Sanzionato noleggiatore abusivo a Portisco, in azione la Guardia Costiera di Golfo Aranci

OLBIA. Giornate di intenso lavoro per gli uomini dell’Ufficio Circondariale Marittimo di Golfo Aranci al Comando del T.V.(CP) Angelo Filosa, questa volta intervenuti per la segnalazione di un noleggiatore abusivo presso una spiaggia in zona Portisco. All’arrivo dei militari il noleggiatore abusivo sosteneva di essere autorizzato senza tuttavia mostrare alcuna documentazione. A quel punti si sono effettuati tutti i controlli presso gli Uffici del Comune di Olbia ed è stato accertato che la persona risultava sprovvista dei titoli autorizzativi per espletare attività commerciale per il noleggio. Si è proceduto, inoltre, al sequestro delle attrezzature da spiaggia consistenti in 30 ombrelloni e 48 lettini e allo stesso sono state contestate le violazioni della Legge Regionale sul commercio e l’inosservanza delle norme per le attività in area demaniale marittima per un totale di 7.064 Euro di sanzioni.

Intensa anche l’attività l’operativa in favore di diportisti. In particolare la Guardia Costiera di Golfo Aranci è intervenuta per coordinare lo sbarco di una ragazza francese di 15 anni di un campo scuola corso con una profonda ferita lacero-frontale, successivamente trasferita dai mezzi del Servizio 118 presso l’ospedale di Olbia per la sutura e le cure del caso. Mentre a Porto Rotondo la Delegazione di Spiaggia ha coordinato nel pomeriggio lo sbarco di una persona anziana per sospetto infarto, anche questo affidato alle cure del Servizio 118.

E’ andata bene invece all’equipaggio di una imbarcazione spagnola finita sopra un campo boe a Golfo Aranci con ancora ed elica incastrate nelle catene dei gavitelli. E’ stato comunque necessario l’intervento dei sub per liberare l’unità e nei confronti del Comandante della nave sono scattate sanzioni per oltre 1.400 Euro.

L’ufficio Circondariale Marittimo di Golfo Aranci, coordinato dal Direttore Marittimo CV (CP) Maurizio Trogu, continua nelle attività di controllo “Mare Sicuro” in favore di bagnanti e diportisti. Per qualsiasi evenienza, si ricorda il numero blu gratuito 1530 per le emergenze in mare, oltre ai consueti mezzi di comunicazione.
© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione
SIDDURA MAÌA