Ci sarà anche un 16enne di Loiri Porto San Paolo al raduno mondiale degli scout in Usa

OLBIA. C’è anche un giovane loirese nella terna di scout di Olbia scelti per partecipare al 24esimo Jamboree mondiale scout. Andrea Fideli, 16 anni, di Azzanì, volerà negli Stati Uniti per prendere parte al più grande raduno scout, in programma dal 22 luglio al 2 agosto. “Siamo orgogliosi che un nostro giovane concittadino sia stato scelto per partecipare a questa importante iniziativa come ambasciatore dei valori originali dello scoutismo”, commenta il sindaco Francesco Lai a nome di tutta l’amministrazione e di tutta la comunità.

Il 24esimo Jamoboree mondiale scout si svolgerà nella Bechtel reserve, una riserva di 5600 ettari in west Virginia e vedrà la partecipazione di oltre 45mila persone tra ragazzi, adulti e organizzatori. A cui si aggiungeranno migliaia di visitatori. Il motto di questa edizione è “Unlock a new word”, “Sblocca un nuovo mondo”, un invito ad andare oltre le proprie insicurezze e convinzioni e ad aprirsi a nuove possibilità. Al raduno internazionale partecipano anche le sezioni scout italiane, in totale un contingente di oltre 1200 tra ragazzi e ragazze. Il gruppo di Olbia, sulla base di alcuni criteri, ha selezionato tre suoi giovani tra cui Andrea Fideli. 16 anni, studente del secondo anno dell’istituto tecnico informatico Attilio Deffenu, Andrea vive nella località di Azzanì. Lo scoutismo è per lui molto più che una passione, ma uno stile di vita. Infatti è anche membro del reparto giovani della Croce rossa italiana, sezione di Padru. A pochi giorni dalla partenza il sindaco Lai e tutta l’amministrazione comunale hanno voluto augurare buon viaggio ad Andrea sottolineando anche l’orgoglio di vedere un proprio concittadino selezionato per partecipare a un evento mondiale di questa portata. “La partenza di Andrea per gli Stati Uniti ci riempie di onore e orgoglio – commenta il sindaco -. Sarà ambasciatore dei valori che sono i pilastri dello scoutismo: il rispetto degli altri, lo spirito di squadra, il rispetto dell’ambiente. Una esperienza formativa che gli auguriamo di vivere a pieno, come parte attiva di una realtà internazionale di altissimo valore”.

 
© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione
SIDDURA MAÌA