Vento forte e mare in burrasca, massima attenzione della Guardia Costiera di Golfo Aranci

OLBIA. Attenzione massima presso l’Ufficio Circondariale Marittimo di Golfo Aranci a causa del peggioramento delle condizioni meteo-marine. Il Comandante T.V.(CP) Angelo Filosa, oltre a provvedere all’inoltro presso tutta l’utenza delle allerte meteo giunte dagli Enti preposti, raccomanda a tutta la marineria, porticcioli, pontili e marine di prestare la massima attenzione, provvedendo, laddove necessario, a mettere in sicurezza persone e unità provvedendo al rinforzo degli ormeggi e gavitelli e ad ispezionare, tramite personale preposto, alla tenuta degli apprestamenti. Il tempo peggiorerà costantemente con forti raffiche di vento, pertanto si raccomanda a tutte le unità a non intraprendere la navigazione fino al miglioramento delle condizioni meteo ed eventualmente a trovare riparo presso i porti e strutture autorizzate.

Proprio nelle prime ore della mattina, la Guardia Costiera di Golfo Aranci interveniva per coordinare l’intervento di una ambulanza del 118 per lo sbarco di una persona con forti perdite ematiche nelle urine. L’imbarcazione di 16 metri veniva fatta ormeggiare in sicurezza nella banchina al transito e la persona affidata alle cure mediche con trasferimento presso il Pronto Soccorso di Olbia. Vista l’emergenza ed il peggioramento del tempo, il Comandante FILOSA, autorizzava l’imbarcazione con a bordo i familiari, tra cui bambini piccoli, ad ormeggiare in sicurezza all’interno del Porto Pescherecci ridossata in doppia andana ad un peschereccio. Le operazioni seguite dal Comandante, venivano condotte grazie all’aiuto di pescatori e marinai del Porto di Golfo Aranci cui va il sentito ringraziamento della Guardia Costiera.

Invece, nel tardo pomeriggio di sabato avveniva il ritrovamento in mare di un natante con a bordo effetti personali e documenti di una persona residente a Merano. La Sala Operativa della Capitaneria di Porto di Olbia, coordinata dal Direttore Marittimo CV (CP) Maurizio TROGU, allertava la Delegazione di Spiaggia di Porto Rotondo e l’Ufficio Circondariale Marittimo di Golfo Aranci per l’avvio delle ricerche. Il Mar. IZZO di Porto Rotondo provvedeva a recuperare il natante identificando il proprietario. Partivano pertanto verifiche incrociate tra forze di polizia, marine e strutture ricettive. La Guardia Costiera di Golfo Aranci chiedeva l’invio di una pattuglia della Municipale di Merano presso la residenza dell’uomo e dei familiari alla ricerca di informazioni.

L’allarme, fortunatamente, cessava dopo circa un’ora di ricerche. All’uomo non era accaduto nulla, ma semplicemente il gommone aveva mollato gli ormeggi. La persona messosi, anch’essa alla ricerca presso le marine, veniva rintracciato dalla Sala Operativa di Olbia presso la Marina di Portisco a cui aveva chiesto informazioni. Pertanto, veniva invitato presso la Delegazione di Porto Rotondo per la verifica sull’accaduto e la restituzione del mezzo e degli effetti personali.

Per qualsiasi evenienza, si ricorda il numero blu gratuito 1530 per le emergenze in mare, oltre ai consueti mezzi di comunicazione.
© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione

Leggi anche

SIDDURA TÌROS