Muro di bottiglie riempite di sabbia alla Rena Bianca di Portisco, in azione la Guardia Costiera

OLBIA. Vicenda particolare quella rinvenuta dagli uomini dell’Ufficio Circondariale Marittimo di Golfo Aranci a Rena Bianca, a seguito di una segnalazione dell’associazione Med Sea. Gli uomini in divisa bianca al Comando del T.V.(CP) Angelo Filosa, si sono recati presso l’ambiente dunale retrostante la spiaggia Rena Bianca ed hanno rinvenuto un muretto costituito da bottiglie di plastica riempite di sabbia. I Militari hanno provveduto ad acquisire informazioni presso i locali concessionari, ma nessuno è riuscito a fornire spiegazioni o a riferire elementi utili a chiarire la particolare costruzione. L’ipotesi più plausibile è che qualcuno possa aver pensato di realizzare un giaciglio per qualche ora di riposo. Comunque la realizzazione della particolare opera deve essere costata diverse ore di lavoro perché sono state contate ben 225 bottiglie riempite di sabbia. La Guardia Costiera ha posto sotto sequestro la singolare costruzione e sta continuando ad acquisire elementi per risalire ai responsabili. Successivamente l’Ufficio Circondariale provvederà, tramite gli Enti competenti, a chiedere lo smaltimento delle bottiglie di plastica rilasciando nell’area circostante la sabbia contenuta negli involucri.

Inoltre, durante le varie attività ispettive gli uomini della Guardia Costiera hanno purtroppo constatato un continuo abbandono nell’ambiente dunale e lungo le strade di accesso alle spiagge,  di sacchetti con rifiuti di vario genere e tante attrezzature da spiaggia rotte. Anche nelle aree portuali, talvolta, sono state segnalati piccoli natanti che di nascosto lasciano rifiuti sulle banchine. La Guardia Costiera, visionando le telecamere portuali, cercherà di individuare i responsabili, ma l’invito rivolto a tutta l’utenza è di non abbandonare rifiuti e di servirsi dei centri Comunali di raccolta o delle ditte autorizzate, seguendo anche il calendario per la raccolta differenziata. Purtroppo, i sacchetti abbandonati vengono strappati da uccelli, cinghiali ed altri animali notturni ed i rifiuti sparsi vengono trasportati dal vento e dalle piogge nel mare, deturpando tutto l’ambiente.

L’ufficio Circondariale Marittimo di Golfo Aranci, coordinato dal Direttore Marittimo CV (CP) Maurizio TROGU, continua nelle attività di controllo ambientale per la tutela del mare e dell’ambiente. Per qualsiasi evenienza, si ricorda il numero blu gratuito 1530 per le emergenze in mare, oltre ai consueti mezzi di comunicazione.
© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione
SIDDURA MAÌA