Abbattuto il muro di bottiglie di plastica sulla spiaggia della Rena Bianca vicino Portisco

OLBIA. Si sono concluse intorno alle 11.30 le operazioni di svuotamento delle 225 bottiglie di plastica rinvenute presso la spiaggia Rena Bianca del Comune di Olbia. E’ stato importante giungere velocemente alla reimmissione in pristino dello stato dei luoghi, con un veloce iter amministrativo per poter riposizionare la sabbia nell’ambiente dunale e smaltire la plastica per l’eventuale riciclo.

L’Ufficio Circondariale Marittimo di Golfo Aranci, al Comando del TV(CP) Angelo Filosa, dopo aver effettuato i dovuti accertamenti, ha provveduto a richiedere l’autorizzazione dell’Ispettorato Ripartimentale Territoriale delle Foreste di Olbia-Tempio. L’operazione è stata condotta dal Comandante con tre uomini e donne che, giunti sul posto, hanno smontato il muro di bottiglie e con una catena umana le hanno trasportate sulle dune. Le bottiglie sono state poi aperte e svuotate sul posto e la sabbia sparsa nell’ambiente dunale, da dove era stata raccolta. Per la precisione sono state contate 223 bottiglie di plastica e 2 di vetro. Tutta la plastica è stata raccolta in 4 sacchi trasparenti, come prevedono le norme sulla raccolta differenziata, e consegnata ad un concessionario che ha fornito, volontariamente, collaborazione per lo smaltimento.

L’ufficio Circondariale Marittimo di Golfo Aranci, coordinato dal Direttore Marittimo CV (CP) Maurizio Trogu, continua nelle attività di controllo ambientale per la tutela del mare e dell’ambiente. Per qualsiasi evenienza, si ricorda il numero blu gratuito 1530 per le emergenze in mare, oltre ai consueti mezzi di comunicazione.
© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione

Galleria Fotografica

SIDDURA TÌROS