Yacht da 37 metri scarica rifiuti in banchina a Golfo Aranci, sanzione da 600 euro per il comandante

OLBIA. Attenzione alta da parte dell’Ufficio Circondariale Marittimo di Golfo Aranci per il corretto smaltimento dei rifiuti, soprattutto per tutelare le acque marine. Questa mattina, gli uomini in divisa bianca al Comando del T.V.(CP) Angelo Filosa, a seguito di una segnalazione di privati cittadini, hanno verificato un abbandono di tre sacchi neri contenenti rifiuti da parte di un tender di colore bianco. Sia i privati cittadini che un addetto dell’Autorità Portuale facevano notare al conduttore del tender che non poteva lasciare i rifiuti in quel modo sulla banchina, ma la persona li scaricava noncurante dei richiami dei golfoarancini. I militari, allertati, provvedevano a seguire a vista il percorso del tender fino all’unità madre - una nave da diporto di 37 metri - e nel frattempo veniva inviata la Motovedetta CP709 che intimava all’unità di fermarsi e fornire documenti e spiegazioni al comportamento adottato.

Il Comandante della nave veniva pertanto invitato presso gli Uffici della Guardia Costiera dove gli veniva notificata una sanzione da 600 euro, inoltre gli veniva richiesto di ritirare i rifiuti e smaltirli tramite ditte autorizzate. Il Comandante della nave da diporto nel comprendere l’errore, forniva le proprie scuse riportandosi a bordo i rifiuti. L’ufficio Circondariale Marittimo di Golfo Aranci, coordinato dal Direttore Marittimo CV (CP) Maurizio Trogu, continua nelle attività di controllo ambientale per la tutela del mare da qualsiasi forma di inquinamento. Per qualsiasi evenienza, si ricorda il numero blu gratuito 1530 per le emergenze in mare, oltre ai consueti mezzi di comunicazione.

© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione

Leggi anche

SIDDURA MAÌA