A due giorni della sfida con Trieste parla coach Pozzecco: "Fondamentale partire con energia"

OLBIA. “Al meeting di Basketball Champions League ho appurato che c’è grande rispetto e considerazione di Sassari in Europa e questo mi ha dato enorme felicità, ero orgoglioso di rappresentare la Dinamo Banco di Sardegna anche se poi per certi versi sono poco responsabile perché sono qui solo da febbraio e gran parte di ciò che è stato costruito non è opera mia. A Ginevra ci stimano e non abbiamo mai vinto la Basketball Champions League, mi piacerebbe che davanti a tutti venissero messi i valori dello sport e invece è sempre tutto legato alla vittoria o la sconfitta, mi piacerebbe ci fosse più solidarietà tra noi allenatori, anche in riferimento a quanto si è letto recentemente sui giornali”.

Apre così la sua conferenza stampa pre partita coach Gianmarco Pozzecco a due giorni dalla sfida contro Pallacanestro Trieste, in programma domenica 13 ottobre alle 12 al PalaSerradimigni. 

“Io sono triestino d’adozione, sarà per me una partita particolare anche se poi chiaramente vivrò emozioni ben diverse nel girone di ritorno quando tornerò a Trieste. Loro hanno giocato due partite in trasferta tra le più improbabili e impossibili da portare a casa e poi hanno affrontato Varese che ha giocato una partita straordinaria. Non dobbiamo giudicare l’avversaria dal percorso fatto fino ad oggi perché Trieste è una squadra che sicuramente verrà fuori”.

Che avversaria troverete domenica?

“Recupereranno Strautins, un giocatore che a me piace molto, sono un cantiere aperto e hanno cambiato quasi tutti gli americani, ora hanno cinque stranieri molto competitivi ma altrettanti italiani che dalla panchina danno il loro contributo, sono sicuro che faranno un grande campionato, certo speriamo inizino a vincere non da questa domenica”.

Voi invece come state?

“Spissu è rimasto fermo ieri e oggi non si è allenato ma abbiamo uno staff medico-fisioterapico di primo livello quindi non sono mai preoccupato. Nella vita e nel mondo dello sport ti preoccupi quando hai collaboratori poco efficienti ma sappiamo che non è il nostro caso, la preparazione dei nostri è al top e lo avremo presto a disposizione”.

Che partita ti aspetti?

“Ho detto ai ragazzi che sarà fondamentale partire con energia contro una squadra sicuramente non al massimo della condizione mentale dopo tre sconfitte. Allo stesso tempo ha giocatori di esperienza che non si faranno certo condizionare da questo. Noi sulla carta siamo più forti, stiamo giocando bene, non dobbiamo perdere l’atmosfera entusiasmante che stiamo vivendo. Anche ieri, insieme al Banco di Sardegna, abbiamo apprezzato all’evento l’entusiasmo dei bambini. La Dinamo ricopre qualsiasi fascia di età tra i suoi tifosi ed è una cosa che non ho visto da nessuna parte, dobbiamo lavorare affinché tutto ciò rimanga così e che questo entusiasmo sia  sempre contagioso”.

© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione
SIDDURA MAÌA