L'Olbia in trasferta ad Arezzo, Raineri: "Squadra forte, dobbiamo fare passo in più per la vittoria"

OLBIA. I quattro pareggi consecutivi, tra iniezioni di fiducia e qualche rimpianto, sono ormai storia. L'Olbia ha davanti sé un nuovo capitolo del campionato. L'imperativo è sempre lo stesso: combattere per guadagnarsi i galloni di protagonista.
Completato l'allenamento, spetta al mister in seconda Luca Raineri, domenica al Città di Arezzo in panchina in sostituzione di mister Filippi squalificato, presentare in sede di conferenza stampa il prossimo impegno di campionato che vedrà l'Olbia misurarsi contro la temibile compagine aretina. E proprio da un focus sull'Arezzo, il tecnico inizia la sua riflessione: "Andiamo ad affrontare un'ottima squadra costruita per fare un campionato importante con giocatori di caratura superiore alla categoria. Viene da una sconfitta in Coppa che non fa testo e da una partita di campionato con il Pontedera dove ha dimostrato di essere presente e in salute, perdendo immeritatamente. È un avversario forte che dovremo affrontare consapevoli di chi avremo di fronte".
Quindi l'Olbia che dal filotto di pareggi ha acquisito certezze e consapevolezza, una parola, quest'ultima, sul quale Raineri torna spesso: "Sì, ci stiamo concentrando sugli aspetti positivi di questo ultimo periodo. La squadra sta raggiungendo un grado di consapevolezza importante esprimendo anche un buon calcio, come si è visto con la Pro Vercelli. È chiaro che ora servirà fare quel passo in più per andare a prenderci la vittoria. Nessuno ci regalerà niente, sta a noi conquistarla".
La settimana di allenamenti ha visto un progressivo svuotarsi dell'infermeria, con Pitzalis e Gozzi in netta ripresa: "Abbiamo ancora la rifinitura per valutare le condizioni di tutti e per decidere quale sarà l'undici di partenza migliore per andare a sfidare l'Arezzo".



© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione
SIDDURA MAÌA