Domenica 17 ritorna a Olbia la "Remata del cuore", il ricavato andrà all'associazione Libere Energie

OLBIA. Domenica 17 novembre, al Porto Romano, appuntamento con la sesta edizione della “Remata del cuore”. Ancora una volta sarà una festa dell’amicizia remiera, del mare e della solidarietà. L’intero ricavato della manifestazione organizzata dalla Lega navale in collaborazione con i Cuochi di Gallura, e che si concluderà con un pranzo a base di trofie allo scoglio, andrà all’associazione “Libere Energie” che assiste gli invisibili della città.

Una sesta edizione che fa bene al cuore. Come nella tradizione della remata dedicata a raccogliere fondi da destinare a una associazione di volontariato olbiese. Questa volta Libere energie. La Lega navale di Olbia firma l’iniziativa solidale insieme ai partner dell’Associazione Cuochi di Gallura. Domenica mattina, alle 10.30, partirà la remata con modalità a sfida tra due equipaggi, a bordo dei tradizionali palischermi di legno a dieci posti. Un centinaio di rematori sarà impegnato per coprire il percorso di 260 metri con una virata, nel campo gara allestito nello specchio acqueo in via Escrivà. Subito dopo atleti e pubblico si sposteranno nella sede della Lega navale, in viale Isola Bianca per le premiazioni e il grande pranzo di solidarietà. Tutti possono partecipare alla degustazione di trofie allo scoglio, preparate dai Cuochi di Gallura, che saranno servite con una bibita al costo di dieci euro. Il ticket del pranzo varrà anche come biglietto della lotteria del cuore. A fine serata l’estrazione dei vincitori. L’intero ricavato della manifestazione sara devoluto all’associazione Libere energie, il gruppo di volontari che dal 2010 opera a favore di quegli strati della società più debole che oggi vengono chiamati estreme povertà. L’ALE presta un servizio di attenzione primaria direttamente nelle strade o presso le abitazioni degli utenti coprendo alcune delle necessità di base della persona: distribuzione di alimenti, coperte, abbigliamento, kit di igiene personale. Un lavoro quotidiano svolto dietro le quinte ma molto importante per la città. Chiunque può partecipare alla Remata del cuore e contribuire ad aiutare l’associazione.
© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione
SIDDURA MAÌA