Chiusura del PalaDeiana a Olbia, la Kan Judo costretta ad annullare Il Trofeo Judo in Action

OLBIA. La Kan Judo Olbia / Judo  Team Angelo Calvisi, con molto rammarico, comunica che quest’anno, a causa della chiusura per motivi di sicurezza del PalaDeiana, è costretta a sospendere il Trofeo internazionale Judo in Action giunto alla sua 23º edizione, in programma domenica 24 novembre , e il 21° trofeo regionale Baby Ippon  in programma domenica 15 dicembre . Non è stato infatti possibile, dati i tempi ristretti, individuare nella nostra città una sede alternativa disponibile in quelle date e adeguata alla manifestazione.
È stata esclusa l’idea di svolgere gli storici trofei in altre località essendo molto legati alla tradizione judoistica radicata nella città di Olbia proprio dal kan judo olbia che nel lontano 1997 riportò dopo circa 15 di assenza le competizioni judoistiche in loco.  
È la prima volta in 23 anni che si ferma la storica manifestazione già inserita da inizio anno nel calendario ufficiale sardo della Fijlkam (la Federazione italiana judo, lotta e arti marziali, affiliata al Coni) e molto attesa dagli judoka isolani. È infatti una delle pochissime manifestazioni nell’Isola, oltre che la più longeva, dedicata a tutte le classi  agonistiche maschili e femminili , dai 12 ai 35 anni, e che prevede una sfida con classifica per società, formula che accentua la sana e sportiva competizione tra le compagini isolane (e non solo).
L’edizione dello scorso anno ha visto sul tatami 33 società partecipanti invitate (oltre ai club sardi, quattro provenienti dalla corsica e il club Judo Marassi di Genova) e quasi 200 judoka. Ad aggiudicarsi il Trofeo era stata la squadra corsa del Judo Porto Vecchio.
Tanto lavoro ,tanti sacrifici da parte di tutti gli associati kan judo  che in poco tempo  sono svaniti nel nulla. “La macchina organizzativa era avviata già da cinque mesi - spiega il maestro Angelo Calvisi, presidente e maestro della società - ed eravamo ormai pronti con l’allestimento, coreografie, contatti, società, premiazioni e quant’altro. È notevole il danno che subiamo con questa chiusura del paladeiana e  l’annullamento dei 2 trofei , noi organizzatori siamo indenni da colpe, e’ stato un fulmine a ciel sereno ,abbiamo tentato di tutto per realizzarlo ma purtroppo non è stato possibile per la non disponibilità di altre strutture sportive . Tante società della vicina Corsica e della penisola hanno dovuto disdire all’ultimo momento la traversata e il soggiorno in città ,rimettendoci anche soldi nei biglietti e pernottamenti effettuati tempo prima. Tutto ciò ci dispiace , teniamo tanto alla nostra bella città, la nostra serietà e professionalità sono note in tutta la regione e non solo, grandi organizzatori di eventi, sempre puntuali e precisi. Basti pensare che in 23 anni  su 57 manifestazioni organizzate in città, solo una volta è stato annullato un trofeo il 15º Baby Ippon 2013 ,sicuramente per una brutta  causa, quella  della terribile alluvione di novembre  che causo la distruzione della palestra kan judo di via perù invasa da piu di un metro di acqua e fango. La nostra città - continua il maestro Calvisi - ha un’antica e radicata tradizione judoistica, qui sono state aperte le prime scuole di questa disciplina, e merita di avere queste due manifestazioni ,fiore all’occhiello del judo regionale, per la sua storicità, longevità, professionalità e originalità. Confidiamo che i problemi del PalaDeiana possano essere presto risolti per poterle allestire nel 2020,almeno il  Trofeo Judo in Action per i mesi primaverili”.
© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione