A Olbia parte "Open food" un laboratorio di cucina dedicato ai ragazzi delle scuole

OLBIA. L’Assessorato alle politiche giovanili, tramite Visionare Agenzia, organizza “Open Food: cuochi senza barriere”. La manifestazione inizierà il 20 dicembre e vedrà la partecipazione di alcuni istituti scolastici cittadini. «Si tratta un laboratorio di cucina dedicato ai giovani, che faranno un’esperienza creativa ed inclusiva – afferma l’assessore Sabrina Serra - . Il cibo diventerà l’elemento di appartenenza, abbattendo confini e barriere, consentendo di creare confronti e relazioni tra i ragazzi. L’esperienza sarà raccontata attraverso una produzione di fotografia, la realizzazione di un ricettario e un video del backstage». Il laboratorio di cucina sarà composto da ragazzi di diversa provenienza etnica.  Parteciperanno gli studenti del Liceo Scientifico A. Mossa, dell’Istituto Tecnico Statale A.Deffenu, dell’IIS Amsicora “Agraria” e del ITCT D. Panedda.

Il corso di cucina si svolgerà nelle cucine di Cortesa in Aviazione Generale e sarà curato dall'executive Chef Tommaso Perna insieme all'Associazione Cuochi Gallura.  Venerdì 20 dicembre alle ore 17.30, presso la Biblioteca Simpliciana, si terrà un convegno dove i ragazzi, insieme a relatori ed esperti, incontreranno il pubblico e gli studenti degli istituti della città. A seguire, gli appuntamenti di show cooking che si svolgeranno alle ore 19 con la preparazione e la distribuzione di menu tradizionali in diversi spazi della città. Venerdì 20 dicembre presso la Biblioteca Simpliciana, zuppa gallurese con finocchietto selvatico; lunedì 23 dicembre, zona Tilibbas, gnocchetti sardi con purpuzza e pecorino; venerdì 27 dicembre, Parco Mario Cervo, fregula sarda, verdure di stagione e ricotta mustia; lunedì 30 dicembre, piazza Nassiriya, formaggelle e ricottelle. Fondamentale per la buona riuscita della manifestazione, la partership con Geasar, Karasardegna, Associazione Cuochi Gallura e Cooperativa Solaria.
© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione
SIDDURA MAÌA