In corso operazione dei carabinieri in centro a Olbia, ecco di cosa si tratta

OLBIA. E' in corso un'operazione dei carabinieri di Olbia nell'ambito dei servizi contro la sfruttamento della prostituzione. In azione i militari del Reparto Territoriale di Olbia, coordinati dal comandante Davide Crapa, che stanno eseguendo diverse perquisizioni domiciliari e misure cautelari a carico di cittadini italiani e stranieri coinvolti in reati connessi allo sfruttamento della prostituzione. Le indagini (a cui è stato dato il nome di “Operazione IV Novembre”) si sono protratte per alcuni mesi, svelando un’organizzazione che operava indisturbata nell’abitato di Olbia, in pieno centro.

Nella stessa zona di degrado avvertito dalla popolazione che da sempre è all’attenzione dell’Arma. Sono impiegati circa trenta uomini del Nucleo Operativo e Radiomobile e della Stazione di Olbia Centro (che hanno condotto le indagini), con l'ausilio della Stazione di Olbia Poltu Quadu e del decimo Nucleo Elicotteri Carabinieri. L’operazione è  ancora in corso. Ecco il motivo dell'elicottero che da stamani sta sorvolando la zona.

Gli immobili sequestrati consistono in due unità abitative nel cui interno si consumavano i reati ed i rapporti con i clienti, come documentato dai militari dell’Arma durante l’effettuazione di specifici servizi di osservazione.
Nel corso delle indagini sono emerse gravi responsabilità personali nei confronti di I.A. -destinatario della misura cautelare- che si occupava di procacciare gli appartamenti e di riscuoterne gli affitti. E’ stata denunciata all’Autorità Giudiziaria anche R.O., una donna di origini dominicane la quale, oltre ad esercitare lei stessa, sfruttava la prostituzione di altre ragazze sue connazionali. In tutto sono quattro le perquisizioni domiciliari, tutte in zona via IV novembre, via Vittorio Veneto e vie limitrofe in seguito alle quali sono state denunciate quattro persone per favoreggiamento e sfruttamento della prostituzione.

© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione