Olbia, 22enne si schianta con l'auto su tre veicoli in sosta e scappa, rintracciata dalla polizia

OLBIA. Nel corso della notte appena trascorsa, in via Pirandello, zona sud di Olbia, un'auto con due persone a bordo si è schiantata contro tre veicoli in sosta, causando ingenti danni ai mezzi parcheggiati. Il cliente di un bar situato nelle vicinanze, sentito lo schianto, è accorso sul luogo dell'incidente per prestare soccorso, ma l’autovettura si è allontanata in tutta fretta.

Dopo qualche minuto è transitata una volante della Polizia e l'uomo ha subito informato i poliziotti di quanto era accaduto poco prima, raccontando che alla guida del mezzo c’era una giovane donna e un ragazzo come passeggero. In stretta collaborazione con la Polizia Stradale, che ha inviato sul posto una pattuglia, sono cominciate le verifiche per risalire al tipo di veicolo e all'identità della persona alla guida del mezzo.  Gli agenti hanno così scoperto che la conducente era una 22enne di origine polacca residente a Olbia, presso la cui abitazione era anche posteggiato il veicolo che aveva dato origine al sinistro, anch'esso gravemente danneggiato.

La Polizia Stradale ha sottoposto la giovane al test dell'etilometro, in seguito al quale la ragazza è risultata avere un tasso alcolemico quattro volte superiore al limite consentito. Pertanto, le è stata ritirata la patente di guida, ma le conseguenze penali saranno ben più gravi, perché la giovane rischia l'arresto fino a due anni, l'ammenda fino a 12mila euro, la revoca della patente e il fermo amministrativo del veicolo fino a 180 giorni.
Fortunatamente non vi sono stati feriti e l'identificazione della conducente e del veicolo consentirà ai proprietari delle auto danneggiate di ottenere il risarcimento del danno dalle compagnie assicurative. La Polizia di Stato esorta gli automobilisti a riflettere sugli esiti dell'eccesso di consumo di alcool, poiché non solo possono derivarne effetti dannosi per l'altrui incolumità, oltre che per la propria salute e per le conseguenze penali e risarcitorie connesse.
© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione

Leggi anche

SIDDURA MAÌA