Nona vittoria consecutiva della dinamo che si impone su Pesaro per 82-107

OLBIA. Il match. Sassari arriva a Pesaro con una striscia aperta di otto vittorie consecutive, Pesaro una settimana fa ha chiuso con la vittoria sul campo della Fortitudo Bologna il filotto negativo di sedici sconfitte in sedici partite del girone di andata. Coach Pozzecco sceglie Sorokas nel quintetto titolare, ancora a riposo ma a referto e in panchina Dwayne Evans. Partita vivace con ritmi alti sin dai primi minuti, si tira solo dall’arco in avvio di gara, le triple di Spissu, Williams e Pierre valgono il 3-6 iniziale. Pesaro regge bene e scrive l’8 pari con il solito Williams, immediato parziale sassarese di 7-0 per spezzare l’inerzia avversaria, Totè deve fare i conti con Miro Bilan e commette subito 2 falli. Pesaro esaurisce il bonus dopo 6’, Pozzecco abbassa il quintetto, dentro Gentile per il centro croato ma l’esperimento dura poco a causa dei due falli commessi da Sorokas, spazio quindi sul parquet per Magro. La VL risale fino al -3, il Banco fa la voce grossa con Pierre e Spissu e dopo 8’ è 14-22. Zanotti punisce subito le distrazioni biancoblu, nella prima frazione la Dinamo tira con 5/9 dall’arco ma deve fare i conti con le troppe palle perse (5), 19-25 al 10’.

Jerrells e Pierre piazzano subito sette punti di fila, coach Sacco chiama timeout e prova a non far scappare il Banco, 21-32 al 12’. Sorokas firma il massimo vantaggio (+11), il giovane Federico Miaschi è la bella conferma di serata per Pesaro, Poz chiama il minuto di sospensione per parlare ai suoi. Williams tira male, per Bilan è tutto troppo semplice sotto le plance, i padroni di casa si affidano al duo Totè-Eboua e rientrano sino al -5, Miki Vitali versione assistman di giornata, in un amen la Dinamo firma un nuovo parziale, al 18’ è 35-47. Nervosismo in campo, doppio tecnico per Sorokas e Williams, Pierre fa impazzire la difesa ospite, Pusica riduce il gap e manda tutti negli spogliatoi sul 44-53.
È un’altra Pesaro quella che entra in campo nel secondo tempo, la Dinamo si affida ai soliti Pierre e Bilan, dieci le lunghezze di distanza tra le due squadre, l’antisportivo di Eboua su Spissu lanciato tutto solo in contropiede vale cinque punti biancoblu, la VL inizia a tremare, Vitali e Pierre piazzano le triple del +19, coach Sacco chiama inevitabilmente timeout (53-72 al 25’). Sale in cattedra Miki Vitali eccellente nella terza frazione, Sorokas gravato dai falli va a sedersi in panchina, Pesaro si spegne e accende il Banco, Dyshawn Pierre manda a referto una nuova doppia doppia, Totè commette il 4º e 5º fallo chiudendo in anticipo il suo match, una sola squadra in campo, Gentile per il +30, si chiude l’incredibile quarto del Banco che chiude il parziale con 36 punti segnati, 63-89 dopo 30’.
Pesaro nell’ultima frazione rende meno pesante il passivo, la Dinamo tira un po’ il fiato a risultato pienamente acquisito, si gioca per le statistiche in una Vitrifrigo Arena silenziosa, a 4’ dalla fine i giganti toccano quota 100, standing ovation per Pierre che chiude la sua gara con 29 punti realizzati (e 13 rimbalzi), nuovo record personale in LBA. Il Banco supera per 107 a 82 Pesaro e trova la nona vittoria di fila in campionato.
I tabellini.
Carpegna Prosciutto Basket Pesaro - Dinamo Banco di Sardegna 82-107
Arbitri: Begnis, Borgioni, Belfiore
Parziali: 19-25, 25-28, 19-36, 19-18
Progressivi: 19-25, 44-53, 63-89, 82-107
Carpegna Prosciutto Basket Pesaro: Barford 2, Drell 2, Mussini 6, Williams 15, Pusica 18, Miaschi 13, Eboua 15, Alessandrini ne, Basso ne, Thomas, Totè 4, Zanotti 7. All. Sacco

Assist: 15 (Pusica 6)
Rimbalzi: 33 (Eboua 12)
Tiri %: 25/47 53.2% da 2, 7/31 22.6% da 3, 11/16 68.8% tiri liberi
Dinamo Banco di Sardegna: Spissu 11, Bilan 14, Bucarelli, Devecchi ne, Sorokas 12, Evans ne, Magro 6, Pierre 29, Gentile 12, Vitali 16, Jerrells 7. All. Pozzecco
Assist: 24 (Spissu e Vitali 6)
Rimbalzi: 45 (Pierre 13)
Tiri %: 26/35 74.3% da 2, 13/29 44.8% da 3, 16/18 88.9% tiri liberi

© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione
SIDDURA MAÌA