La polizia stradale in campo nel week end per il controllo del territorio e della sicurezza

OLBIA. Prosegue l’attività della Polizia Stradale di Sassari per contrastare tutti quei comportamenti che statisticamente rappresentano le maggiori cause di incidenti stradali. Nel corso dello scorso fine settimana, la Sezione di Polizia Stradale e personale medico della Questura di Sassari, nell’ambito del servizio “stragi del sabato sera”, hanno sottoposto a controlli circa 60 conducenti nella città di Sassari. Di questi, dieci sono risultati alla guida in stato di ebrezza alcolica con tassi da tre a quattro volte superiore al consentito, mentre due sono risultati sotto l’effetto di cocaina e cannabis. Gli stessi sono stati denunciati penalmente, con la sanzione accessoria del ritiro della patente per la successiva sospensione.

In un caso un diciottenne, neopatentato, è risultato essere alla guida con un tasso alcolemico di ben tre volte il consentito, mentre un altro è risultato alla guida sotto l’influenza di cannabinoidi. In altri due casi, un uomo e una donna ambedue trentenni, sono risultati alla guida sotto l’effetto di cocaina.
Per i neopatentati, per i quali non è prevista nessuna tolleranza, le pene in questo caso sono raddoppiate con la sospensione della patente fino a un massimo di 3 anni e la revoca in caso di recidiva nel triennio.
Durante la serata di sabato, le pattuglie sono inoltre state impegnate in 3 distinti incidenti tutti sulla SS 131 con il coinvolgimento di 4 veicoli in cui sono rimaste ferite 2 persone.
Nel territorio provinciale di Sassari nel 2019 la Polizia Stradale ha contestato oltre 500 infrazioni per guida in stato di ebrezza alcolica.

© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione

Leggi anche

SIDDURA TÌROS