La meraviglia delle regate J24 a pochi passi dal centro di Olbia, grande successo dell'evento

OLBIA. La Lega Navale Italiana di Olbia ha organizzato, nello specchio acqueo  adiacente al molo Brin, una manifestazione che ha richiamato l'attenzione sia dei velisti che dei non addetti ai lavori. Questi anno assistito alle regate come dalle tribune di uno stadio provando  strabilio di fronte a incroci radenti e passaggi di boa ravvicinati.

La regata si è svolta nei giorni di sabato 29 e domenica 1 marzo con la formula dei voli. I dieci equipaggi infatti, alternandosi a gruppi di 5 sulle 8 imbarcazioni presenti, hanno svolto 24 brevissime prome su percorsi a bastone. Su questo genere di prove la bravura degli equipaggi emerge e tende a fare la differenza. Infatti a vincere sono stati i ragazzi di Vigne Surrau condotti da Aurelio Bini. Per loro (a bordo anche Evero Niccolini, Roberta Piras, Danilo Deiana, Mauro Pisanu e Pietro Alvisa) pochissime sbavature che hanno concesso poche chances agli avversari. Al secondo l'equipaggio capitanato da Sergio Contu e condotto da Davide Schiuntu. Hanno provato in tutte le maniere a conrastare Vigne surrau  riuscendo a cogliere il record di prove vinte. La loro partecipazione si è resa possibile grazie alla condivisione di Boomerang di Angelo Usai. I due equipaggi si sono alternati a bordo del J24 Gallurese senza, ovviamente, scontrarsi mai.

Sul podio anche Dolphin By Carta Consulting di Giuseppe Taras. Anche per loro tante vittorie di prova e una grande vlocità dimostrata in acqua. Le due giornate di regata si sono sempre concluse, in un clima gioviale, di fronte ad un piatto di pasta gentilmente offerto da Gavino Moro nella sede della LNI di Olbia.

Tags: Olbia J24
© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione

Galleria Fotografica

SIDDURA TÌROS