A Olbia la polizia di stato prosegue la sua attività contro furti e droga

OLBIA. Nonostante l'emergenza epidemiologica COVID-19, prosegue l'attività della Polizia di Stato. Nella scorsa settimana, gli Agenti del Commissariato P.S. di Olbia hanno bloccato due giovanissimi pregiudicati olbiesi, sorpresi all'interno delle pertinenze di un'abitazione, poco dopo aver tentato di forzare la porta di ingresso della predetta. Sebbene uno di loro si sia dato alla fuga, è stato subito rintracciato e denunciato insieme al complice per tentato furto in concorso. La Squadra Investigativa del Commissariato di Olbia ha invece eseguito una perquisizione all'interno di un appartamento ubicato nella zona ospedale nuovo, affittato per qualche giorno, attraverso il sistema informatico Booking.com, da un gruppo di ragazzi quasi tutti minorenni.

Gli operatori hanno rinvenuto circa 30 grammi di marijuana e uno strumento “bong” utilizzato per fumare.  Per tutti sono scattate le segnalazioni al Tribunale per i Minorenni di Sassari e le contestazioni amministrative alla Prefettura di Sassari, per uso personale di stupefacenti.   
Infine è stata eseguita un'altra perquisizione domiciliare, effettuata in zona Sa Minda Noa, periferia nord di Olbia, che ha consentito il rinvenimento di circa 40 grammi di marijuana e 27 piante di cannabis e la conseguente denuncia in stato di libertà di un uomo per detenzione e produzione di sostanza stupefacente.
© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione

Leggi anche

SIDDURA TÌROS