Il comune di Loiri Porto San Paolo potenzia il servizio di supporto ai cittadini in difficoltà

OLBIA. In una situazione di emergenza come quella che stiamo vivendo, la rete della solidarietà non si ferma. A seguito dell’intervento del Governo, di una giornata intensa di lavoro come quella odierna con i responsabili degli uffici comunali, il Comune è pronto ad avviare le procedure per sostenere i propri cittadini in difficoltà.
Non solo le povertà purtroppo note, ma anche le nuove sopraggiunte a seguito dell’emergenza Covid-19, di coloro i quali pur avendo un lavoro lo hanno perduto, stanno creando situazioni oggettive di difficoltà anche per l’acquisto di beni di prima necessità.

Ecco perché il comune si è prontamente attivato, a seguito dell’ordinanza della protezione civile con l’assegnazione da parte del Governo del un contributo pari a 24.500 euro (di risorse già comunali in quanto derivanti dal gettito IMU che preleva direttamente lo stato con il Fondo di Solidarietà Comunale), per la predisposizione della modulistica per richiedere la possibilità di usufruire dei voucher o direttamente dei generi alimentari. In aggiunta a questi, il Comune con fondi propri aggiunge altri 6 mila euro raggiungendo cosi oltre 30 mila euro di contributi immediatamente spendibili per i prossimi 20/30 giorni, in attesa delle prime misure economiche di Cig o assegni una tantum previsti dal Decreto Cura Italia.
Sono in corso di definizione le procedure per poter consentire ai cittadini di fare domanda ai servizi sociali.  Si ricorda che le misure previste sono rivolte a coloro che riscontrano difficoltà, anche momentanee, a poter acquistare generi alimentari o beni di prima necessità.

In aggiunta, d’accordo con i Market locali di Loiri e Porto San Paolo, il Comune chiede a chi oggi è piu’ fortunato, e ha condizioni economiche migliori di partecipare all’operazione “SPESA SOLIDALE”.
il Comune ha pensato di attivare una grande raccolta alimentare nei market. “Ora più che mai dobbiamo pensarci e sentirci comunità - dice il sindaco Francesco Lai -. Da lunedì ognuno di noi potrà dare il proprio contributo. La raccolta degli alimenti si svolgerà in tutti gli alimentari del nostro comune con il supporto dei Servizi sociali e della Compagnia Barracellare”.  Ovviamente restano vigenti tutte le regole per fare la spesa in sicurezza, mantenendo la distanza di almeno un metro e gli orari di apertura.

I prodotti di prima necessità acquistati per solidarietà saranno poi distribuiti alle famiglie maggiormente in difficoltà (nel totale rispetto della privacy delle persone che ne faranno richiesta). “Chi è più fortunato si ricordi del prossimo e mostri, nella misura di ciò che può, la propria vicinanza e solidarietà - conclude Lai -.

Chiunque abbia bisogno di supporto, o le imprese e i privati che possono contribuire in altro modo, si possono rivolgere ai Servizi sociali al numero 0789/481115, dal lunedì al venerdì dalle 9.00 alle 14.
© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione

Leggi anche

SIDDURA TÌROS