Golfo Aranci

I sindacati uniti sulla vertenza Air Italy: "Bene confronto con la Regione, ma fare presto"

OLBIA. I segretari Confederali della CGIL, CISL, UIL e i Segretari di Federazione Filt-Cgil, Fit-Cisl, Uiltrasporti e Ugl T.A.esprimono soddisfazione per il confronto con la Regione sulla vertenza Air Italy. Ecco la nota stampa nella sua forma integrale:

"Registriamo positivamente l’impegno dell’Assessore Regionale Fasolino unitamente a quello dei Consiglieri Regionali di maggioranza (Satta-Giagoni-Cocciu) di organizzare, a stretto giro, un incontro da tenersi in videoconferenza con il Presidente Solinas e l’Assessore Todde, per affrontare di concerto le varie ipotesi emerse riguardanti il futuro dei lavoratori ex-air italy. Incontro auspicato e richiesto anche dai consiglieri di minoranza del territorio. La riunione odierna nasce a seguito della richiesta d’incontro fatta dalle Segreterie Confederali Cgil-Cisl-Uil-Ugl a cui il subcommissario Pietro Carzedda, con senso di responsabilità, ha dato seguito con un primo incontro in videoconferenza, tenutosi alla presenza dei consiglieri regionali del territorio gallurese e dell’Assessore Fasolino. Le Organizzazioni Sindacali unitariamente hanno portato all’attenzione del tavolo le preoccupazioni dei lavoratori e dopo un veloce sunto dei temi trattati nell’incontro avuto ieri con i liquidatori di Airitaly, l’Assessore ha fortemente ribadito la volontà della Giunta regionale nel voler perseguire gli obbiettivi dichiarati durante l’assemblea tenutasi il 21 Febbraio scorso. Non sono stati forniti dettagli riguardanti le interlocuzioni attualmente in essere tra la RAS e possibili soggetti interessati alla creazione di una nuova realtà industriale. Il trasporto aereo italiano era già in crisi profonda prima dell'emergenza coronavirus, ma ora si rischia il disastro se la politica a tutti i livelli non interviene rapidamente. È minacciata l'estinzione del settore, e in una Regione come la Sardegna il trasporto aereo è, e deve essere un asse portante su cui ricostruire la ripresa economica, a partire dal turismo e dal trasporto delle merci".
© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione
SIDDURA