Sorpresi in auto con attrezzi da scasso per "slot machines", denunciati due giovani

OLBIA. Nel corso del servizio di prevenzione recentemente attuato con l’impiego di diverse Volanti simultaneamente, gli agenti hanno identificato due giovani, in possesso di “strane” chiavi artigianali lunghe 20 cm circa, delle quali avevano frettolosamente cercato di disfarsi alla vista della Polizia. Condotti presso gli uffici del Commissariato, i predetti sono risultati avere precedenti per furto, uno di essi, più specificamente, ai danni di apparecchi da gioco, mediante l’utilizzo di strumenti artigianali identici a quelli ritrovati.
   
Uno degli “attrezzi” consentiva l’apertura delle serrature delle “slot machines” mentre un altro, più sofisticato, introdotto nella fessura delle monete, consentiva di ingannare il sensore dell’apparecchio da gioco, che rilevando una costante introduzione di denaro, permettendo di giocare all’infinito.  
Gli “attrezzi del mestiere” sono stati sequestrati ed entrambi sono stati denunciati alla Procura della Repubblica di Tempio Pausania, per possesso di strumenti per aprire o forzare serrature, contravvenzione penale punita con la pena variabile tra sei mesi e due anni.

© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione

Leggi anche