OLBIA

La minoranza in consiglio comunale striglia il presidente Mura: "Ritorni a rappresentare tutti"

OLBIA.  L'opposizione in consiglio comunale a Olbia non ci sta alle critiche del presidente Giampiero Mura e le rispedisce al mittente chiedendo una maggiore rappresentatività nel rispetto del ruolo istituzionale che ricopre. Ecco la nota stampa nella sua forma integrale:


"Apprendiamo dalle pagine della stampa locale le dichiarazioni del Presidente del consiglio comunale di Olbia, Ing. Mura,  in merito ad un nostro presunto comportamento scorretto verso l’istituzione comunale, in particolare verso la Commissione-farsa Covid-19 voluta ed ottenuta dalla minoranza, e verso la nostra coraggiosa proposta economica di aiuto alle famiglie e imprese. Nell’ottica di una leale collaborazione abbiamo voluto dare un impulso all’amministrazione, fin troppo silente ed attendista finora, per dare risposte urgenti e concrete ai cittadini e mettendoci a disposizione in un momento così drammatico! Falsa è la dichiarazione del “Presidente della Maggioranza”, che fa le veci di sindaco e capogruppo di maggioranza, in quanto “dimentica” che le nostre proposte sono state già protocollate in data 15.05.2020 con richiesta di portare in aula il bilancio alla prossima seduta del consiglio comunale del 20.05.2020.
In merito alla commissione Covid (ribadiamo voluta dalla minoranza), ci duole dover constatare che l'importanza della sua istituzione è stata purtroppo svuotata di senso. La maggior parte delle proposte sono state avanzate dall'opposizione, inoltre, le riunioni sono divenute mere adunanze “unilateralmente” consultive, per giunta  senza la presenza del sindaco e dei dirigenti competenti annullando di fatto quella funzione di impulso deliberativo.

Per tali motivi il gruppo dell’opposizione ha visto bene di accedere agli uffici al bilancio del comune affinché venissero verificate le disponibilità economiche e gli spazi finanziari per attuare una serie di misure concrete a favore delle famiglie e del  tessuto produttivo, proprio per portare una proposta concreta in aula.
Ad oggi la maggior parte dei Comuni attua politiche sociali di abbattimento delle tariffe per la componente comunale, focalizzati sui tributi comunali e a nulla sono valsi i contributi dei gruppi della minoranza con mozioni in consiglio. Il sindaco al contrario, ha tenuto a precisare che il mancato pagamento delle imposte risulta essere “diseducativo”. Ora la città ha bisogno di risposte concrete e immediate che l’amministrazione ha dimostrato ad oggi di non essere in grado di dare.
Risposte coraggiose caro presidente!
Nell’attesa che diventi, almeno per un anno, il presidente di tutti lo invitiamo ad informarsi presso i suoi (nostri) uffici circa le nostre proposte legittimamente protocollate e in attesa di sua calendarizzazione così come molti atti della minoranza che rischiano di  ammuffire nei cassetti dorati dell’istituzione".


Ecco i firmatari.
Il Consigliere Amedeo Bacciu    (Coalizione Civica e Democratica)  
Il Consigliere Davide Bacciu      (Lista Civica Progetto Olbia
La Consigliera Patrizia Desole    (Coalizione Civica e Democratica)  
Il Consigliere Roberto Ferinaio   (M5S) 
Il Consigliere Antonio Loriga      (Coalizione Civica e Democratica)  
Il Consigliere Gaspare Piccinnu   (Coalizione Civica e Democratica)  
La Consigliera Maria Teresa Piccinnu (M5S)
La Consigliera Ivana Russu      (Coalizione Civica e Democratica)  
Il Consigliere Massimo Satta   (Coalizione Civica e Democratica)  



© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione
SIDDURA MAÌA