Olbiese ubriaco alla guida fugge all'alt dei carabinieri che lo inseguono e lo arrestano

OLBIA. Questa notte, i Carabinieri della Sezione Radiomobile del Reparto Territoriale di Olbia hanno tratto in arresto un uomo per minaccia, oltraggio e violenza a pubblico ufficiale. L’episodio nasce dalla chiamata al 112 di alcuni residenti in zona Vittorio Veneto, esasperati dai continui schiamazzi provenienti da alcuni avventori di un night club nelle vicinanze. I militari, immediatamente intervenuti, si prodigavano così per il ripristino della tranquillità del quartiere. Qualche minuto dopo, sempre in quella zona, individuavano una macchina che avanzava in modo incerto zigzagando, che affiancavano per verificarne le ragioni. Riconoscevano il conducente, lo stesso uomo che si era reso protagonista del precedente episodio, un operaio olbiese incensutato. Gli intimavano quindi di fermarsi e scendere dal veicolo per verificare il suo stato di ebbrezza.
Ma l’uomo si dava improvvisamente alla fuga. Dopo un breve inseguimento nelle vie della città, l’auto veniva fermata con l'ausilio di un'ulteriore autoradio della Sezione Radiomobile del NORM.

Si verificava che l’uomo versava in effetti in evidente stato di ebbrezza: continuava a provocare i Carabinieri, sfidandoli e spintonandoli, finché, per fermarne l’azione, veniva tratto in arresto.
Dopo la conferma del provvedimento, il PM disponeva la liberazione dell’indagato. Ciò non gli ha risparmiato di collezionare anche una denuncia in stato di libertà per il rifiuto di sottoporsi all'alcool test.

© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione

Leggi anche

SIDDURA TÌROS