Carenze di pediatri all'ospedale di Tempio Pausania, disagi e riorganizzazione del reparto

OLBIA. La Ats vista l’impossibilità di acquisire, nell’immediatezza, degli specialisti in Pediatra, dalla giornata di oggi è costretta, suo malgrado e per un breve periodo, a riorganizzare l’attività dell’Unità operativa di Pediatria dell’ospedale “Paolo Dettori” di Tempio Pausania.

A causa della carenza di Pediatri, e in seguito alle dimissioni volontarie di uno specialista (il 17.06.2020, oltre a quelle precedenti del marzo scorso di un secondo specialista) e vista l’impossibilità di implementare le professionalità con medici provenienti dall’ospedale “Giovanni Paolo II” (che già coprono due turni  settimanali),  in attesa dell’espletamento della selezione pubblica, la cui scadenza è fissata per il 30 giugno 2020, la Ats - Assl di Olbia, di concerto con la Direzione medica e i professionisti dell’unità operativa di Pediatria di Tempio, è costretta, per un breve periodo, a riorganizzare l’attività del reparto nell’arco delle 12 ore.

Per questo periodo infatti nel reparto di Pediatria del “Paolo Dettori” verranno garantiti il ricovero diurno (Day Hospital), l’attività ambulatoriale e quella di consulenza per il Pronto Soccorso, mentre l’attività di ricovero ordinario verrà dirottata a Olbia. La Direzione della Ats - Assl di Olbia si scusa con l’utenza per il disagio che questa decisione comporterà, ma assicura che sta cercando di fare quanto possibile per risolvere, in tempi brevi, l’ormai cronica carenza di Pediatri.

Oltre alla selezione pubblicata per Pediatri pubblicata il 15 giugno scorso (scadenza 30 giugno 2020) e ancora in corso, dalla precedente selezione, pubblicata il 27 novembre 2019, nessuno dei professionisti risultati idonei aveva accettato l’incarico per la Assl di Olbia.

© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione

Leggi anche

SIDDURA MAÌA