Il Tar Sardegna respinge il ricorso di Sinergest contro la gara sui servizi passeggeri a Olbia

OLBIA. Nessuno stop alla procedura di affidamento dei servizi ai passeggeri in arrivo e partenza al porto di Olbia – Isola Bianca.
Lo ha deciso il Tribunale Amministrativo Regionale per la Sardegna che, oggi, ha reso noto l’esito dell’udienza cautelare del 24 giugno.
Respinto, dunque, il ricorso della Sinergest Spa che, ritenendo impossibile determinare una convenienza tecnica ed economica per formulare l’offerta, aveva chiesto al TAR l’annullamento della gara d’appalto indetta dall’AdSP del Mare di Sardegna il 20 aprile scorso.
Si procede, quindi, con le aggiudicazioni dei lotti I e III. Il primo, relativo al Servizio di accoglimento, ricezione, smistamento ed instradamento dei veicoli in arrivo e in partenza dal porto, vinto dalla società di Roma, Italservizi 2007, che ha totalizzato il massimo del punteggio attribuibile, pari a 100 punti (70 per l’offerta tecnica e 30 per quella economica), rispetto ai 50,41 attribuiti alla Mast Spa di Napoli.

Il terzo, che riguarda l’attività di Info point, deposito bagagli, assistenza ai passeggeri all’interno della Stazione Marittima, è stato, invece, aggiudicato al raggruppamento temporaneo olbiese Sps Srl e Fast, che ha raggiunto un punteggio di 75,91 rispetto ai 64,412 della Italservizi 2007.
Ancora qualche giorno, invece, per chiudere l’ultima fase di gara, relativa al II lotto (Trasporto su navetta dalla stazione marittima alla nave e viceversa), per il quale l’AdSP ha richiesto alcuni chiarimenti sulla congruità nel rapporto offerta tecnica – offerta economica ad una delle 5 società concorrenti.
“Accogliamo con soddisfazione, ma non con sorpresa, l’esito del giudizio cautelare del TAR – spiega Massimo Deiana, Presidente dell’AdSP del Mare di Sardegna – e proseguiamo la nostra attività finalizzata a due principali priorità: assicurare piena continuità ai servizi ai passeggeri per i prossimi anni e garantire i livelli occupazionali in un contesto portuale fortemente messo alla prova dall’attuale periodo di crisi. Prendendo spunto dalla sentenza, che evidenzia il serio e corretto operare dell’AdSP, mi permetto di respingere ai mittenti le maldestre ed intollerabili affermazioni di chi, nei giorni scorsi, si è permesso di definire il nostro Ente un “carrozzone politico”, ispirato da chissà quale intento di demolizione del ruolo chiave del porto di Olbia. Lo scalo dell’Isola Bianca è stato, è e rimane il principale gate portuale d’accesso all’Isola ed è altresì principale obiettivo, mio e dell’Ente che rappresento, assicurare questa leadership anche per il futuro”.
Chiaro l’appello del Presidente al rispetto istituzionale per il ruolo dell’AdSP.
“Non posso permettere a nessuno di screditare con insinuazioni di bassa lega la correttezza dell’operato e degli intenti dell’Ente – sottolinea Deiana - mancando di rispetto anche all’intenso lavoro delle donne e degli uomini che, quotidianamente, si impegnano per garantirne l’operatività tecnica e commerciale. Così come non mi sono mai permesso di entrare nel merito delle scelte commerciali che hanno indotto la Sinergest a non presentare le proprie offerte; scelte, queste, che, semmai, dovranno essere rimesse al giudizio dei lavoratori, della comunità portuale e della stessa cittadinanza”.
   
© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione

Leggi anche

SIDDURA