Olbia, aggrediscono un cantante e poi i carabinieri: due ventenni olbiesi passano la notte in cella

OLBIA. Gli hanno prima rubato il microfono mente si stava esibendo in un locale di Olbia, poi lo hanno picchiato e all’intervento dei carabinieri hanno assalito anche questi ultimi. Notte in cella per due giovani olbiesi e brutta avventura, ieri notte, per un cantante. In azione  i carabinieri della Sezione Radiomobile del NORM del Reparto Territoriale di Olbia che hanno proceduto all’arresto dei ventenni con precedenti di polizia, per rapina impropria, lesioni personali, resistenza e minaccia a pubblico ufficiale.

I fatti sono accaduti in un bar del centro cittadino, dove si esibiva un cantante e dj. Proprio quest’ultimo improvvisamente è stato aggredito da due persone che prima gli hanno sottratto il microfono e poi, alla sua reazione, hanno reagito con violenza procurandogli alcune lesioni ed escoriazioni, giudicate successivamente guaribili in sette giorni.

L’intervento dei Carabinieri, richiesto al numero di emergenza 112, ha consentito di individuare i responsabili, ancora sul posto all’arrivo delle due pattuglie. All’atto del controllo i due giovani in tutta risposta hanno aggredito anche i militari  con spintoni e pugni. A quel punto stati arrestati e condotti presso la caserma di Poltu Quadu. I due sono stati trattenuti per la notte in camera di sicurezza a disposizione del P.M. di turno della Procura della Repubblica di Tempio Pausania, che nella mattinata odierna ha disposto il regime di detenzione domiciliare. Per inciso, uno dei due era sottoposto alla misura dell’obbligo di dimora e a quell’ora non poteva trovarsi fuori dalla propria abitazione.
© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione

Leggi anche

SIDDURA