Lo chef olbiese, Giorgio Barone, paparazzato a bordo dello yacht di Cristiano Ronaldo

di Davide Mosca
OLBIA. E’ stato “paparazzato” a sua insaputa a Portofino nei giorni scorsi a bordo dello yacht di Cristiano Ronaldo e della moglie Georgina Rodriguez. La fan page instagram @crisginabrasil ha postato la foto del supercampione della Juve e al suo fianco c’è proprio lui a lavoro.  Di chi stiamo parlando? Ovviamente dello chef olbiese Giorgio Barone. Famoso per aver girato mezza Europa alla corte dei calciatori più forti della serie A, da Kevin Prince Boateng ad Alberto Aquilani, da Stefano Sensi a Massimo Ambrosini. Lo avevamo intervistato tempo fa sul nostro giornale raccontando la sua storia fatta di molti sacrifici, ma anche di tanti successi, di sperimentazione e di amore per l’alta cucina.

Da allora, però, era sparito dai nostri radar per ricomparire a sorpresa l’altro giorno in un paio di foto che inequivocabilmente fanno pensare che Barone sia finito a lavorare proprio per Cr7. D’altra parte, non ci stupirebbe se lo chef olbiese avesse conquistato il campione e la sua famiglia con le sue creazioni culinarie. Lo aveva già fatto in passato con  altri campioni e il passaparola in questi ambienti vale come e più di un concorso di stato. Lo abbiamo provato a rintracciare a Torino dove ora abita per chiedergli  conferma del suo attuale lavoro a casa Ronaldo. Ma lo chef non ha rilasciato dichiarazioni in merito. Com’è chiaro che sia, il più stretto riserbo avvolge tutti i lavoratori che prestano servizio a casa Ronaldo. Nessuna conferma quindi dal diretto interessato. Anche se le foto parlano chiaro e, qualora fosse vero, possiamo solo esser felici che a casa Ronaldo si parli anche un po’ olbiese e che magari circolino sulla tavola del portoghese piatti della tradizione tipica gallurese. Auguri, caro chef!!!
Per chi volesse farsi un'idea delle creazioni di Barone può visitare la sua pagina instagram: @chef_barone.
 

© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione

Galleria Fotografica

Leggi anche