Golfo Aranci

Il festival Life After Oil approda a Santa Teresa Gallura, in programma da domani 8 settembre

OLBIA. Dopo la tre giorni di Ottana, Life After Oil si sposta a Santa Teresa Gallura che da alcuni anni è la sede principale del festival dedicato ad ambiente e diritti umani. Dall’8 al 13 settembre in programma numerose proiezioni, tra il Cine-Teatro Nelson Mandela e il Cinema Arena Odeon, con corti e lungometraggi di diverso genere (documentari, fiction, lavori d’animazione) arrivati da diversi Paesi del mondo per partecipare al concorso ideato dal regista Massimiliano Mazzotta. Tra i brevi film della prima giornata l’australiano “Breakdown” diretto da Adam Sébire sui cambiamenti climatici, il franco-belga “Traces” di Sébastien Pins sulla piaga del disboscamento, lo spagnolo “Obsolescence” di Jesús Martínez sui rifiuti elettronici, l’indonesiano “15.7 Km” di Rian Apriansyah su un bambino che deve percorrere ogni giorno lunghe distanze per andare a scuola, “Anna” di Federica D’Ignoti con protagonista la nota attrice Valentina Lodovini, lo sloveno “Soma” di Sandra Jovanovska incentrato su un tassidermista e un macellaio.

Per chiudere la serata un lungometraggio: l’iraniano “Khatemeh” di Hadi e Mehdi Zarei sul tema delle spose bambine. Nei giorni seguenti le proiezioni partiranno dal pomeriggio, per dare spazio ai tanti film selezionati. Tra questi da segnalare, in prima mondiale, “The People vs. Agent Orange” di Alan Adelson e Kate Taverna che indaga sui danni dell’erbicida conosciuto come Agente Arancio, dal suo utilizzo durante la guerra del Vietnam a oggi. Tra gli ospiti presenti a Santa Teresa Gallura l’importante regista svedese Fredrik Gertten, uno dei giurati in questa edizione, e Filippo Bellantoni in concorso con “Legno vivo. Xylella, oltre il batterio”: un documentario realizzato per raccontare cosa sta succedendo in Puglia agli olivi, monumenti della natura che hanno attraversato secoli. Le premiazioni si terranno nella serata finale del 13 settembre a Santa Teresa Gallura, precedute da una performance di  Daniele Ledda  dal titolo “Clavius”. La sera prima è prevista invece un’esibizione del giovanissimo Manuel Barrocu, ha soltanto 10 anni, che è  stato finalista a Italia’s Got Talent.  Il piccolo rumorista, specializzato nel riprodurre le sirene di tutte le ambulanze, in questa occasione cercherà di unire questi suoni a quelli della natura provando a ricreare un mondo senza inquinamento. Nello spirito di Life After Oil che quest’anno propone anche un torneo di calcio a cinque, il primo Life for Football, in programma tutte le mattina al Palasport Comunale.

Il festival è organizzato dall’associazione Life After Oil con il sostegno delle amministrazioni comunali di Ottana e Santa Teresa Gallura e il contributo della Fondazione Sardegna Film Commission. La manifestazione è patrocinata inoltre da comune di Oristano, comune di Pattada, Conservatorio di Cagliari, Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare e Ministero per i Beni e le Attività Culturali e del Turismo.
© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione
Golfo Aranci