In corso le operazioni di sbarco dei 125 migranti dell'Alan Kurdi a Olbia

di Davide Mosca
OLBIA. Sono in corso a Olbia le operazioni di sbarco dei 125 migranti soccorsi dalla nave tedesca Alan Kurdi la settimana scorsa a largo delle coste libiche.  L’imbarcazione ha attraccato intorno alle 10 nel porto industriale cittadino a Cala Saccaia sotto la pioggia e il vento di maestrale che in queste ore sta sferzando le coste sarde. Allestite nel corso della mattinata  le tende e le strutture di accoglienza che serviranno per identificare e visitare i migranti tra i quali sono presenti anche 56 minori.

Sul posto tutte le forze dell’ordine schierate per garantire la sicurezza dello sbarco. Da registrare la presenza di una decina di attivisti simpatizzanti della Lega che muniti di striscioni “Prima l’Italia” e “Salvini Premier” hanno protestato per lo sbarco e del coordinatore regionale del carroccio, il deputato Eugenio Zoffili, che è riuscito ad intrufolarsi all’interno dell’area protetta di sbarco e in segno di "resistenza" si è seduto proprio sotto la nave con lo scopo di rallentare tutte le operaizoni. La mediazione del prefetto di Sassari, Maria Luisa D’Alessandro, ha riportato la situazione alla normalità con il deputato leghista che ha desistito dal suo intento ed è stato accompagnato all’esterno dell’area recintata.
© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione

Galleria Fotografica

SIDDURA