Tempio Pausania, minaccia con un coltello i genitori che si barricano nell'auto: arrestato un 25enne

OLBIA. Nella serata di ieri personale del Commissariato P.S. di Tempio Pausania ha tratto arrestato un venticinquenne tempiese, colpevole di maltrattamenti contro i familiari conviventi nonché di porto abusivo di armi. Ad intervenire è stato un agente del locale Commissariato, libero dal servizio.  Il poliziotto, sentendo schiamazzi e urla provenienti da un vicino parcheggio, ha notato un giovane armato di un grosso coltello che minacciava di morte due persone chiuse all’interno di un’autovettura.

Il ragazzo, mentre sferrava calci all’autovettura, continuava ad urlare ed inveire nei confronti degli occupanti, manifestando la volontà di volerli accoltellare e proferendo nel contempo una serie di minacce di morte. Il poliziotto e le pattuglie del controllo del territorio, giunte rapidamente sul posto, sono riuscite a bloccare il giovane impedendogli di sfondare il finestrino. Successivamente, si è proceduto all’identificazione degli occupanti del veicolo quali i genitori del ragazzo, che temendo per la loro incolumità si erano chiusi all’interno della loro autovettura.
L’uomo, dopo essere stato accompagnato presso gli Uffici del locale Commissariato è stato tratto in arresto per maltrattamenti contro familiari e conviventi e per porto abusivo di armi. Dopo le formalità di rito l’arrestato è stato tradotto presso il carcere di Sassari-Bancali in attesa dell’udienza di convalida dell’arresto.

© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione

Leggi anche

SIDDURA