Direzione Marittima del Nord Sardegna: visita del comandante generale del corpo delle capitanerie

OLBIA. Nella giornata odierna, il Comandante Generale del Corpo delle Capitanerie di Porto, Ammiraglio Ispettore Capo (CP) Giovanni Pettorino, in concomitanza con l’ormai prossimo cambio di Comando della Direzione Marittima di Olbia, ha voluto far visita agli Uffici marittimi, c.d. minori, che operano nel nord Sardegna. La visita è iniziata con l’Ufficio Locale Marittimo di Castelsardo, dove ad accogliere l’Ammiraglio Pettorino erano il Capitano di Vascello Maurizio Trogu, Direttore Marittimo di Olbia, il Capitano di Vascello Giovanni Canu (prossimo Direttore), il Capitano di Fregata Gianluca Oliveti, Comandante della Capitaneria di porto di Porto Torres ed il Titolare dell’Ufficio minore, il M.llo Antonio Secchi. L’occasione è stata utile per incontrare e salutare il Sindaco di Castelsardo, Sig. Antonio Maria Capula. È seguita la visita alla Delegazione di Spiaggia di Santa Teresa di Gallura, ove ad aspettare il Comandante Generale era il Titolare, Capo Gianluca Siano.

L’Amm. Pettorino si è intrattenuto anche con il Sindaco, Sig. Stefano Ilario Pisciottu e l’ing. Leonardo Lutzoni, Responsabile dell’Area Marina Protetta di Capo Testa – Punta Falcone. È seguita la visita al personale dell’Ufficio Locale Marittimo di Palau, presente il Titolare, Luogotenente Pasquale Chirico; quindi un breve incontro con il Sindaco, Sig. Francesco Giuseppe Manna. La visita è continuata verso Cannigione ove, presente il Sindaco di Arzachena, Dottor Roberto Ragnedda, è stata inaugurata la nuova Sezione Marittima della Guardia Costiera.
Una visita che, seppur rapida, ha rappresentato un’utile occasione di vicinanza agli uomini e alle donne della Guardia Costiera, per ringraziarli per il quotidiano prezioso servizio prestato e per esortarli a far sempre bene il proprio lavoro, come pure un importante momento per incontrare i Rappresentanti delle Comunità locali sempre vicine al personale della Guardia Costiera.

© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione

Leggi anche