A Olbia sono 259 i positivi al Covid-19, una media di sei nuovi casi al giorno

di Davide Mosca
OLBIA. Il Covid a Olbia viaggia alla media di sei nuovi casi al giorno per un totale di 259 casi attualmente attivi. A darne notizia il primo cittadino, Settimo Nizzi, che in una conferenza stampa in streaming ha illustrato ai giornalisti i dati relativi all’andamento dell’epidemia sul territorio. Negli ultimi dieci giorni, dal 27 ottobre ad oggi, sono stati registrati una sessantina di nuovi contagi. Del totale venticinque sono stati comunicati dall’Ats, trentadue, poi,  sono stati rilevati dagli accertamenti del Mater Olbia. Per quanto riguarda le scuole, invece,  da inizio epidemia sono stati colpiti 24 studenti. Il sindaco Nizzi ha in seguito fornito i dati relativi ai ricoverati in ospedale per Covid-19: “Abbiamo una decina di persone ospedalizzate al Giovanni Paolo II e per fortuna solo pochi casi di pazienti che sono stati intubati. Abbiamo passato momenti di criticità per la carenza di posti letto e ora si sta facendo il possibile per aumentarli e potenziarli anche nelle strutture del Mater Olbia, il tutto  grazie al nuovo responsabile dell’Ares  Temussi, con il quale siamo in contatto e presto ci incontreremo per fare il punto sulla situazione sanitaria olbiese. Il primo cittadino ha poi parlato delle nuove misure del Dpcm del 3 novembre che entreranno in vigore da oggi anche in Sardegna che è stata identificata come zona gialla: “Non abbiamo in mente nessuna nuova ordinanza, ma è necessario rispettare le regole della mascherina, del distanziamento sociale e dell’igiene delle mani -ha commentato Nizzi-. Ricordo poi che sono esentati dall’indossare le mascherine i bambini sotto i sei anni e le persone con patologie o disabilità. Per questo lancio un appello affinché si sappia che queste categorie di persone possono comunque girare, magari anche con la mascherina abbassata sotto il naso per potersi aiutare nella respirazione. E’ necessario che si prenda per buona la dichiarazione di una persona anziana se ci comunica di essere affetta da una patologia”.
© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione