Golfo Aranci

Alluvione del 18 novembre 2013 a Olbia, Li Gioi (M5s): "La mia città merita rispetto"

OLBIA. Il consigliere regionale  del movimento cinque stelle, Roberto Li Gioi, affida alla sua pagina facebook alcune riflessioni in merito al ciclone Cleopatra che il 18 novembre del 2013 spazzò le vite di tredici persone solo in Gallura. Ecco le sue parole che si soffermano sui mancati lavori per la messa in sicurezza della città: "Sette anni di silenzio assordante rendono ancora più triste la ricorrenza da un evento che ha provocato una ferita lacerante per la città di Olbia. In particolare quest'anno, a causa dell'emergenza sanitaria non ci sarà la consueta fiaccolata per le vie del fango. Gli olbiesi tuttavia non potranno non ricordare quel tragico 18 novembre del 2013 che mise in ginocchio la città.
In questo giorno l'inerzia di chi avrebbe dovuto attivarsi per mettere finalmente in sicurezza il territorio cittadino appare in tutta la sua ampiezza e gravità.

Come è noto l'iter di approvazione del Piano di mitigazione del rischio idrogeologico si è arenato negli uffici dell'Assessorato all'Ambiente,
Uno stop tecnicamente inspiegabile e incomprensibile che sembrerebbe quindi dettato da motivazioni prettamente politiche. La guerra tra assessorati che ha determinato questa impasse è stata da me denunciata più volte ed è lo specchio di un modus operandi che calpesta il diritto alla sicurezza dei cittadini.
L'anniversario della tragedia, tuttavia, deve essere l'occasione per riaccendere le coscienze di chi, consapevolmente o meno, sta impedendo la realizzazione di un'opera già finanziata e avallata da più di dieci pareri favorevoli da parte degli enti preposti. Non è più accettabile continuare a far prevalere logiche estranee al bene degli olbiesi.

© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione
Golfo Aranci