Scorie nucleari in Sardegna, anche il sindaco di Olbia si unisce al coro dei No

OLBIA. «In questi giorni è stato reso pubblico uno studio che individua diversi siti in Italia, di cui 14 in Sardegna, per l’eventuale stoccaggio di scorie nucleari. Il nostro è un No risoluto, inflessibile e definitivo, così come lo è sempre stato». Ha commentato il sindaco di Olbia Settimo Nizzi.

«Già durante un mio precedente mandato da sindaco, nel 2003, avevo firmato un’ordinanza che sbarrava Olbia alle scorie, impedendo il transito, la sosta e lo scalo ai mezzi adibiti al trasporto di tali rifiuti. Nel 2010, da deputato, sono stato tra i firmatari di una proposta di legge alla Camera per vietare l’insediamento, in Sardegna, ad impianti per la produzione di energia nucleare e di depositi di rifiuti radioattivi».

«Non consentiremo mai che il nostro territorio sia messo a disposizione dello stoccaggio di simili veleni, per giunta senza contropartita per la nostra Regione e contro la volontà del popolo sardo.
Continueremo a tutelare con la massima determinazione il paesaggio, la sua più profonda essenza e pregevolezza, attraverso la protezione della natura, dell’ambiente, della salute dei suoi abitanti e della vocazione turistica ormai consolidata».  
© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione