Il comune di Arzachena consegna alla Assl di Olbia 4 nuove apparecchiature per diagnostica Covid

OLBIA. Il Comune di Arzachena consegna alla Ats Assl Olbia, quattro apparecchiature per la biologia molecolare per la rilevazione multipla di agenti infettivi. La strumentazione sanitaria è stata ricevuta dal Comune di Arzachena come donazione di un benefattore e in questi giorni sono state prese in carico dalla Assl di Olbia. Roberto Ragnedda, sindaco del Comune di Arzachena e presidente della conferenza socio sanitaria gallurese, annuncia la conclusione della procedura di assegnazione a seguito delle interlocuzioni con i responsabili delle strutture sanitarie della zona.

Alla Ats - Assl Olbia  sono state destinate quattro apparecchiature, oltre relativi accessori. Due verranno installate all’ospedale Giovanni Paolo II di Olbia, una all’ospedale Paolo Merlo di La Maddalena e una all’Ospedale Paolo Dettori di Tempio. Un quinto macchinario è invece destinato al Mater Olbia. Tecnologia di ultima generazione che consente di potenziare le capacità diagnostiche delle strutture sanitarie .
 
“Sono state definite le procedure per la consegna dei beni, mentre le convenzioni per il loro utilizzo verranno firmate nei prossimi giorni - spiega Roberto Ragnedda -. L’obiettivo è quello di garantire la massima fruibilità delle apparecchiature ricevute in dono a favore della popolazione Arzachenese e Gallurese nella lotta al Covid-19 e nella ricerca su altre patologie. L’assegnazione alla Ats Olbia e al Mater Olbia assicurano un efficace utilizzo di questi mezzi da personale altamente qualificato. Rinnovo la mia gratitudine al benefattore, nostro concittadino, che ha contribuito in modo concreto al benessere della comunità e a migliorare i servizi sanitari offerti nel territorio”.

 Riconoscenza per la donazione viene espressa dal commissario della Assl, Franco Logias: "Si tratta di macchinari molto utili che servono a ricercare materiale genetico di ventidue diversi patogeni per fare la diagnosi differenziale delle polmoniti interstiziali in caso di negatività a Sars-cov 2 e che, a breve, saranno in funzione nelle nostre strutture".
© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione