Bocche di Bonifacio, Deiana e Marino(M5s): "Verso interventi immediati per la tutela dell'ambiente"

OLBIA. Approvata in Commissione Ambiente della Camera la risoluzione della deputata del Movimento 5 stelle Paola Deiana recante iniziative di tutela ambientale nelle Bocche di Bonifacio.
 
“La risoluzione – spiegano la prima firmataria Deiana e l’On. Nardo Marino, co-firmatario – riformulata con le osservazioni e proposte emerse nel corso delle audizioni, punta a impegnare il Governo a valutare l'opportunità di assumere iniziative, nelle opportune sedi internazionali, volte a tutelare un'area di importanza ambientale e strategica nei traffici marittimi come quella delle Bocche di Bonifacio, mediante ulteriori e più specifiche misure protettive associate al riconoscimento come Particularly Sensitive Sea Area (Pssa) che garantiscano la sicurezza della navigazione e contestualmente la protezione dell'ambiente marino e degli ecosistemi vulnerabili e ad assumere iniziative per implementare il sistema di informazione sulle navi in transito nello stretto di Bonifacio, anche rafforzando gli accordi di collaborazione con lo Stato francese”.
 
“Come sappiamo – sottolineano i deputati pentastellati - si tratta di un tratto di mare particolarmente pericoloso, per le numerose navi che vi transitano e di conseguenza per l’alto rischiando di collisioni e sversamenti che impongono l'individuazione delle giuste precauzioni al fine di rafforzare la sicurezza marittima e la protezione dell'ambiente marino. Per tali ragioni si richiedono interventi immediati e concreti”.
 

“L’urgenza nell’assumere mirate iniziative è ancora più evidente in considerazione delle tremila navi che ogni anno solcano lo stretto di Bonifacio e del disastro che nel 2019 ha visto un cargo battente bandiera di Antigua Barbuda, diretto a Port-Saint-Louis-du-Rhone, finire sugli scogli nei pressi di Bonifacio. Un eventuale sversamento in mare di idrocarburi a seguito di un sinistro marittimo causerebbe in questo stretto un disastro senza precedenti, devastando l'ambiente e l'economia di un territorio a forte vocazione turistica. In questi casi – concludono i parlamentari M5S Paola Deiana e Nardo Marino - la prontezza d'intervento è l'elemento essenziale per contenere gli eventuali danni ambientali”.

© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione

Leggi anche