Picchia la ragazza in pieno centro a Olbia e un altro giovane intervenuto per salvarla: arrestato

OLBIA. I carabinieri della sezione radiomobile del reparto territoriale di Olbia, congiuntamente agli agenti del commissariato, sabato notte hanno tratto in arresto un cittadino di origine tunisina per lesioni gravissime.
Il 27enne ha iniziato, nel cuore della notte, a litigare violentemente con la sua fidanzata, una 19enne di Budoni, picchiandola in piazza Matteotti con schiaffi e pugni. Nel frattempo un 24 enne che stava passando di lì, visto l’evolversi della lite, ha cercato di proteggere la ragazza subendo lui stesso delle lesioni di carattere permanenti al viso ed alla vista, con traumi facciali e una prognosi iniziale non inferiore ai 45 giorni.

A quel punto la ragazza, a causa della folle violenza del fidanzato, ha chiamato il 112 e, nel giro di qualche minuto, sono sopraggiunte le pattuglie dei carabinieri e della polizia trovando l’uomo che era intervenuto a difesa della ragazza riverso a terra e con la maglietta sporca di sangue, mentre l’aggressore era scappato per le vie del centro storico, facendo in un primo momento perdere le proprie tracce. Il giovane è stato intercettato poco dopo dai militari e dagli agenti e arrestato.
L’uomo è un pluripregiudicato protagonista già di numerosi episodi violenti proprio nel centro cittadino, dove vive senza una fissa dimora.  Dovrà rispondere di maltrattamenti nei confronti della fidanzata e lesioni gravissime nei confronti del ragazzo intervenuto, ora ricoverato presso l’ospedale di Sassari.
Per lui, l’autorità giudiziaria ha disposto la traduzione presso il carcere di Bancali, ove si ritrova attualmente ristretto, in attesa della convalida.
© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione

Leggi anche