Due persone arrestate a Olbia per spaccio: sorpresi con eroina, cocaina e metadone

OLBIA. Nell’ambito dei servizi di controllo del territorio finalizzati a contrastare lo spaccio di sostanze stupefacenti nel centro della città gallurese, i carabinieri della sezione operativa del reparto territoriale di Olbia hanno tratto in arresto due cittadini stranieri per detenzione di sostanze stupefacenti ai fini di spaccio. I militari, impegnati in un controllo nei pressi del passaggio a livello di via Mameli (i cosiddetti “cancelli”), sono stati insospettiti dal comportamento di un uomo che, alla vista dei carabinieri, ha tentato improvvisamente di allontanarsi. Fermato e sottoposto a controllo, il 34enne di origini tunisine, nel corso dell’identificazione ha mostrato un certo nervosismo. L’uomo, già noto agli operatori, è stato infatti trovato in possesso di un involucro in cellophane contenente eroina oltre ad una cospicua somma di denaro contante.

La successiva perquisizione domiciliare nell’appartamento condiviso con un 24enne, cittadino brasiliano, ha permesso di rinvenire altri ventisei grammi di marijuana suddivisa in 41 dosi, alcune fiale di metadone e alcune dosi di cocaina (di cui il giovane ha tentato di sbarazzarsi durante il controllo, venendo prontamente bloccato). Oltre a materiale vario per il confezionamento è stato sequestrato un bilancino di precisione e 670 euro in contanti di piccolo e medio taglio, probabilmente provente dell’attività di spaccio .
La sostanza stupefacente e il denaro contante sono stati debitamente sequestrati. I due arrestati sono attualmente ristretti presso le camere di sicurezza della caserma di via degli Astronauti, a disposizione dell’autorità giudiziaria della procura della repubblica presso il tribunale di Tempio Pausania, in attesa del giudizio di convalida che dovrebbe tenersi nella mattinata.
© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione
SIDDURA