Stasera Irene Loche e domani Francesco Piu per il San Teodoro Festival Blues

OLBIA. Il San Teodoro Festival Blues  si avvia verso le sue battute finali. Per chiudere  il calendario due nomi di rilievo del panorama blues made in Sardegna: Irene Loche e Francesco Piu.
Questa sera alle ore 18 la terrazza del L’Esagono ospiterà Irene Loche sarà protagonista di una serata antologica dedicata a brani  celebri reinterpretati in chiave personale, alternati a brani inediti  che permetteranno un viaggio fra il nuovo e il vecchio blues.
Irene Loche

 Irene Loche, oristanese, classe 1992 può definirsi una stella del blues. Cresciuta con la musica fin da giovanissima ha ascoltato le canzoni di Ray Charles, Aretha Franklin e Otis Redding, ma anche dei Pink Floyd, Deep Purple, Led Zeppelin, senza dimenticare il country di Emmylou Harris e Linda Ronstadt, il folk-rock di Crosby, Stills, Nash &Young e lo stile di Cat Stevens. Il suo primo album da solista, “Garden of Lotus”  è un disco che riflette le molteplici influenze e la passione per le sonorità d’oltreoceano, con una serie di brani inediti ispirati alle sue esperienze, alle sue emozioni e alla sua storia.  Per il concerto del 17 settembre Irene Loche  promette  un’esperienza da condividere . Un percorso affascinante dalle origini della musica nata nella regione del Delta del Mississippi, dai canti degli schiavi e dagli spirituals, alle sue più recenti evoluzioni e contaminazioni, in cui si fondono spesso ironia graffiante e struggente, poetica malinconia. Dal 2015 la cantante oristanese è ufficialmente artista Magatone, unica italiana nel panorama mondiale insieme a Jeff Beck, Billy Gibbons, Keith Richards, Jackson Browne e  Neil Young.





Sabato 18 Settembre alle ore 18,00 gran finale del San Teodoro Blues Festival  edizione 2021. Sarà Francesco Piu accompagnato da  Gavino Riva al basso e da Paolo Succu alla batteria e alle percussioni.

Francesco Piu trio

Francesco Piu, cantante e chitarrista sardo, classe 1981, accompagna la propria voce con strumenti quali chitarra acustica, dobro, weissenborn, banjo, lap steel e armonica. Negli ultimi anni si è ritagliato uno spazio di rilievo nel panorama del blues italiano ed internazionale
Ha partecipato ad alcuni tra i più importanti festival del genere : IBC Memphis, Cognac Blues Passions, Blues To Bop, Blues Sur Seine, Pistoia Blues, Narcao Blues, Magic Blues, Santa Blues de Tenerife, Blues en Bourgogne, Salaise Blues, Milano Jazzin Festival, Vache De Blues, Schtumm, Trasimeno Blues . Francesco ha avuto l’onore di aprire concerti per grandi artisti. Ha vinto le selezioni nazionali si è esibito nel gennaio 2010 all’INTERNATIONAL BLUES CHALLENGE di Memphis, Tennessee come rappresentante italiano. Ma questo non è l’unico dei riconoscimenti conferiti a Francesco Piu: nel 2003 primo premio al concorso “Blues From Sardinia” al Narcao Blues Festival, nel 2008 primo premio al “Out of the Blue’s” di Samedan (SWI) e nel 2011 si aggiudica il prestigioso “Premio Maria Carta”. Dopo anni di blues acustico Francesco Piu sale sul palco in elettrico con un Power Trio arricchito da Gavino Riva al basso e Paolo Succu alla batteria. Dopo il disco CROSSING, vincitore di numerosi premi, Francesco porta in giro un “Best Off” pescando da quest’ultimo album, dall’osannato PEACE & GROOVE e dai precedenti lavori discografici, nell’attesa dsfornarne uno nuovo per il 2022. Il trio garantisce uno spettacolo energico e elettrizzante, capace di coinvolgere il pubblico in tutti i sensi.

Lo spettacolo di Francesco Piu rafforza il legame di collaborazione e l’importante scambio sinergico  che esiste fra il San Teodoro Blues Festival e Il BlueSunsweet Festival di Porto Ferro.
 Si conclude così la stagione dei concerti dal vivo dell’Esagono sulla Terrazza di Cala d’Ambra,eventi che hanno  decretato  il successo di un festival nato in sordina, capace di conquistare gli appassionati del blues  e della bellezza.
La terrazza vista mare sulla spiaggia di Cala D’Ambra, la raffinata accoglienza dello staff dell’Esagono e la possibilità di assistere a concerti unici in orari pomeridiani  sono  sicuramente il valore aggiunto dell’edizione che sta per concludersi. Il merito va tutto alla



proprietà della struttura turistica,  quasi dei Mecenate 2.0 veri promotori della musica di qualità, finanziatori esclusivi del calendario estivo e dei  14 concerti live.

 Soddisfatto  Carlo Sezzi, curatore del calendario, ma anche musicista e docente di musica.  Il calendario ha saputo dare spazio sia alla sezione Blues Festival , con alcuni fra i maggiori rappresentanti del blues made in Italy, ma anche alla Rassegna Live che, grazie alla presenza di musicisti di grande qualità, ha potuto segnare pomeriggi indimenticabili. Il pubblico ha dimostrato di gradire ogni serata live, apprezzando non solo  le esibizioni ma anche l’ ospitalità e la professionalità dello staff e della proprietà del L’Esagono. Appuntamento all’edizione 2022


 Nel rispetto dei protocolli anti-covid  è gradita la prenotazione ,  cliccando sul sito
https://www.hotelesagono.com/concertisanteodoro2021/


© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione