In Gallura e Monte Acuto nasce il distretto sul turismo grazie alle Unioni di comuni

OLBIA. Una voce unica per parlare di turismo in Gallura e Monte Acuto. I comuni del territorio, attraverso tutte le Unioni di comuni, hanno deciso di unire le forze e intraprendere un percorso unico per promuovere il territorio. L’obiettivo principale è la creazione di un prodotto turistico che possa consentire la promozione su  mercati ancora inesplorati e ampliare quelli che già frequentano le coste galluresi.

Tutte le Unioni dei Comuni (Unione Gallura, Unione Riviera di Gallura, Unione Alta Gallura e Comunità Montana del Monte Acuto più il Comune di Olbia) si fanno promotori della costituzione di un distretto sul turismo che sia aperto anche e sopratutto all’apporto degli imprenditori turistici.  Il Distretto - secondo le intenzioni dei promotori - sarà il contenitore delle energie pubbliche e private che dovrà creare una rete che possa anche aggredire le risorse messe a disposizione dal Pnrr, il Piano nazionale di resistenza e resilienza.

Il Comitato promotore ha già dato incarico a un affermato professionista del settore: Joseph Ejarque, stimato consulente ed esperto internazionale di turismo e Dmo. Si sono tenuti due incontri sul tema, alla presenza dello stesso Ejarque, a San Teodoro e ad Arzachena. Vi ha partecipato oltre un centinaio di imprenditori turistici che saranno la base di partenza per questo nuovo percorso di unione e condivisione volto a far crescere turisticamente il territorio della Gallura e del Monte Acuto.

I presidenti delle Unioni, Franco Manna, Francesco Lai, Francesco Ledda e Fabio Albieri condividono il percorso intrapreso con tutti gli altri sindaci tra cui le principali mete turistiche per numero di presenze come Arzachena Budoni e San Teodoro.

© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione