Sbarca dal traghetto proveniente da Olbia con 300 chili di cannabis sativa: denunciato un giovane

OLBIA. I finanzieri del Comando Provinciale di Livorno, durante l’attività di controllo del traffico passeggeri proveniente dalla Sardegna, hanno individuato e sequestrato un illecito carico di infiorescenze di cannabis sativa riposte in 50 sacchi di plastica stipati all’interno di un furgone a nolo.

Il mezzo, condotto da un giovane cittadino sardo dall’atteggiamento circospetto, all’arrivo ha subito suscitato l’interesse delle Fiamme Gialle anche perché sbarcato tra gli ultimi. I sospetti dei finanzieri sono stati avvalorati dal forte odore di cannabis emanato dalla cabina del mezzo quando l’autista ha abbassato il finestrino per consegnare i documenti. Aperte le porte posteriori del furgone per verificare il carico trasportato, le fiamme gialle del Gruppo di Livorno hanno notato la presenza dei diversi sacchi di plastica, tutti contenenti infiorescenze di cannabis sativa.

Immediatamente sono stati avviati mirati riscontri sui dati esibiti dall’autista, ovvero del documento di trasporto, verifiche che hanno velocemente permesso di appurare, grazie alle banche dati in uso al Corpo, la non veridicità del D.D.T. (documento di trasporto) per effetto di diversi elementi di discrasia, come ad esempio la differenza tra l’indirizzo di consegna e la sede della società destinataria della cannabis sativa, oltre all’attività esercitata da quest’ultima (ricerca nel campo delle altre scienze naturali e ingegneria), che non appariva riconducibile alla merce trasportata.

Appurato, dunque, che all’interno dei sacchi rinvenuti vi fossero esclusivamente infiorescenze di cannabis sativa, il cui già mero trasporto è vietato, oltre ad esserne vietata la vendita alla luce dei recenti interventi normativi e giurisprudenziali in materia, la GdF di Livorno ha sequestrato i 309 chili di infiorescenze di cannabis sativa.

La commercializzazione di cannabis sativa e, in particolare, di foglie, inflorescenze, olio, resina, ottenuti dalla coltivazione della canapa non rientra nell'ambito di applicazione della legge 242 del 2016 - Disposizioni per la promozione della coltivazione e della filiera agroindustriale della canapa, che qualifica come lecita unicamente l'attività di coltivazione di alcune varietà di canapa; pertanto, il soggetto fermato è stato denunciato alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Livorno e ora dovrà rispondere del reato di cui all'art. 73, commi 1 e 4, del testo unico sulla droga. Sul punto è utile evidenziare che l'articolo 2, comma 2, della richiamata legge 242, con riferimento ai possibili usi del prodotto derivante dalla coltivazione, specifica che dalla canapa si possono ottenere lecitamente, senza incorre in alcun reato, alimenti, cosmetici, fibra carburanti e prodotti per la bioedilizia, nel rispetto delle discipline dei rispettivi settori.

L’attività svolta dalla Guardia di Finanza testimonia l’attenzione posta in essere a prevenzione e contrasto dei traffici illeciti presso il porto di Livorno nell’area merci e passeggeri, caratteristiche che nell’ultimo periodo hanno permesso di impedire e contrastare importanti condotte criminali nel comparto degli stupefacenti.

Tags: olbia droga
© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione
SIDDURA