Elezioni per istituire il primo comitato di quartiere del centro storico di Olbia

OLBIA. Nei giorni scorsi un gruppo composto da cittadini residenti e numerosi commercianti del centro storico, a seguito di una riunione informale, ha deciso di chiedere al Comune di Olbia l’indizione delle elezioni del primo comitato di quartiere del Centro Storico olbiese, con l’auspicio che lo stesso svolga le sue funzioni quanto prima.  Nelle numerose riunioni preparatore i sottoscrittori hanno discusso dei diversi temi rilevanti per tutti i fruitori del centro storico di Olbia. Tra questi  la sicurezza, l’igiene ed il decoro urbano, la viabilità e la mancanza cronica di parcheggi. Tutti temi che sono propri delle funzioni di un comitato di quartiere, il quale può proporre soluzioni ed idee da sottoporre alla amministrazione comunale olbiese.

Il comitato di quartiere, cosi come da statuto e specifico regolamento comunale, fa parte degli organismi di partecipazione popolare volti a favorire il processo democratico e partecipativo dei cittadini dei quartieri olbiesi.
Gli elettori del centro storico avranno quindi il compito di eleggere il direttivo, sulla base di liste elettorali, all’interno del quale sarà individuato un Presidente coadiuvato da altre figure istituzionali.

Il gruppo di cittadini è coordinato da Salvatore Serra, residente vicino a Piazza Mercato 
e da Arrigo Delaria, anch’egli residente nel centro storico. Sono stati loro ad occuparsi per la raccolta delle firme dei sottoscrittori e presentato formale istanza al Comune di Olbia.
A seguito di ciò, i sottoscrittori attendono che il Sindaco di Olbia, Settimo Nizzi, indica elezioni come da regolamento, per le quali si auspica la massima partecipazione possibile degli elettori del centro storico di Olbia.
Serra, coordinatore del gruppo di cittadini, ha così spiegato l’iniziativa:   “Il comitato vuole.essere un aiuto propositivo all’amministrazione, considerata l'enorme mole di lavoro a cui sono sottoposti sia il Consiglio Comunale che la Giunta di Olbia. Saremo i segnalatori delle cose che potranno essere migliorate e, al tempo stesso, i suggeritori delle possibili soluzioni, per il benessere dei residenti e delle attività che da sempre popolano il nostro bel quartiere” .
© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione