Preoccupazione per i lavori sulla spiaggia della Rena Bianca a Santa Teresa Gallura

OLBIA. L’associazione ecologista Gruppo d’Intervento Giuridico (GrIG), raccogliendo segnalazioni provenienti da residenti, ha inviato (5 maggio 2022) una specifica istanza di accesso civico, informazioni ambientali e adozione degli opportuni provvedimenti in relazione a ingenti lavori avviati recentemente alla Rena Bianca, sul litorale di S. Teresa di Gallura (SS).
Taglio della vegetazione mediterranea, sterramenti del litorale, non sarebbe stato reperito alcun cartello “inizio lavori”.

Coinvolti il Ministero della Cultura, la Regione autonoma della Sardegna, il Comune di S. Teresa di Gallura, la Soprintendenza per Archeologia, Belle Arti e Paesaggio di Sassari, i carabinieri del Nucleo tutela patrimonio culturale, informata la Procura della Repubblica presso il Tribunale di Tempio Pausania.
L’area costiera è tutelata con vincolo paesaggistico (decreto legislativo n. 42/2004 e s.m.i.), nonché con vincolo di conservazione integrale (art. 10 bis della legge regionale Sardegna n. 45/1989 e s.m.i.) e come tale è stata classificata nel piano paesaggistico regionale (P.P.R., 1° stralcio costiero).
Il GrIG auspica rapidi accertamenti sulla legittimità o meno degli interventi e l’adozione dei conseguenti eventuali provvedimenti di legge.

© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione