Golfo AranciGolfo Aranci

Grande successo per il carnevale tempiese 2022: vincono "Mama Africa" e "I Pagliacci"

OLBIA. Una festa di colori e tradizioni. Tempio si riprende il suo carnevale e decreta i vincitori del 2022. Al primo posto “Compagnia di San Giuseppe” con il Carro “Mama Africa, ci vuole una Macumba” e I Pagliacci con il gruppo “ Confusione al Circo, e chi circo !” tra i gruppi estemporanei. Una classifica redatta grazie ai voti espressi dai giurati impegnati  durante le due sfilate (quella di Domenica 8 Maggio e la finale del 14 maggio ). Il Presidente, senza diritto di voto, è stato Gianni Addis, Sindaco di Tempio Pausania, con lui Vanni Bionda,  Daniela Tamponi, Sara Russo, Francesca Aisoni e Maria Chiara Demuro.

Targhe e riconoscimenti anche per gli ospiti Cambas de Linnas,le Majorettes Noise, la Banda città di Tempio e per il Comitato spontaneo di Vignola (presente con un carro in qualità di ospite. Un abbraccio collettivo ha avvolto la mamma di Daniele Pruneddu, giovane scomparso qualche anno fa, nel cui ricordo ogni anno sfilano i suoi amici più cari. L'ultima targa è stata consegnata dall'Assessore alla Cultura della Regione Sardegna Andrea Biancareddu, a Franco Dalecci, premiato come maschera più originale.

La sfilata finale dell'edizione 2022 si è mossa fra ali di folla e applausi, passando di fronte alla tribuna centrale che ha ospitato sindaci di diverse località sarde e autorità accolte dalla giunta comunale al gran completo.  La satira, l'ironia ,il gusto dello  sberleffo, sono apparsi prepotenti nonostante il cambio di data. Sul palco centrale, Alessandro Achenza , direttore artistico di questa edizione e di tutte quelle degli ultimi 12 anni, ha proposto uno spettacolo di altissima qualità; con eleganza e sagacia ha saputo dettare sapientemente i tempi di tutto l'evento. Sul palco al suo fianco l'alter ego del Sindaco Gianni Addis, l'applauditissimo Giannetto , ovvero Fausto Pischedda. Con  lui risate garantite anche da parte dei tantissimi turisti che in questa settimana hanno affollato tutte le strutture ricettive della zona, non solo quelle cittadine. Le Carrascialine, Luana Avellino, Gianna Franchi, Silvia Mele e Michela Putzolu, guidate e coreografate da Korin Podesva, hanno intrattenuto il pubblico con danze divertenti.  Esilarante la performance delle alter ego delle assessore in giunta : Sergio Pala alias Monica Liguori, Italo Careddu nei panni di Elizabeth Vargiu e Antonello Masu in quelli di Anna Paola Aisoni.
Tutto si è svolto sotto lo sguardo attento della direttrice di palco Donatella Addis e la regia audio e video di Mirko Curridori. Le elaborazioni video musicali, che hanno animato il grande ledwall scenografico sono state curate dai fratelli Gian Marco ed Emanuele Pasella.

La trionfale presenza di Re Giorgio e di Mannena  accompagnate dalla Corte del Re, in veste di “Pretendettes” con abiti da sposa di raffinata fattura nel pieno rispetto del ribaltamento dei ruoli (come tradizione vuole). La corte quest'anno è stata impreziosita dalla presenza della Banda Musicale città di Tempio Pausania che oltre a suonare ha anche accennato qualche improbabile ma organizzato passo di danza. Sul palco  le voci di Susanna Fanti, ormai storica cantante del Carnevale Tempiese e di  Cecilia Fenu hanno proposto una straordinaria interpretazione della canzone che ha caratterizzato l'allegoria del Carrasciali Timpiesu 2022 “ Giù la maschera… e caglietivi”. Il tema allegorico “Giù la maschera è stato scritto da Luigi Pirinu e dallo stesso direttore artistico. Ospiti legati alla tradizione sarda come i Cambas de Linna giunti da Guspini e le Majorettes Noise giunte dalla Slovacchia, hanno offerto un inatteso spettacolo al pubblico e alle telecamere di Videolina, la Tv Sarda che da oltre 30 anni segue costantemente  le sfilate del Carnevale Tempiese, e da Canale 48, la web tv che fedelmente racconta le vicende carnevalesche da 10 anni.

Il processo (scritto a tre mani da Alessandro Achenza, Luigi Pirinu e Fausto Pischedda), è stato velocissimo e decisamente televisivo nella sua impostazione, ha colpito nel segno, attribuendo al Sovrano ogni responsabilità, di fatto assolvendo tutti i governanti che si sono autosollevati da ogni responsabilità. Il Notaio “Alfonsi” ( Giuseppe Anfossi )ha chiuso il processo con le solite piccanti attribuzioni. Le fiamme hanno avvolto il sovrano mentre Mannena, sua sposa e madre del futuro  Re, piangeva nel silenzio più assoluto del pubblico, partecipe del suo dolore. Lu Carrasciali 2022 si  è chiuso con lo spettacolo pirotecnico, la musica  ha agitato i cuori, facendo ballare in piazza migliaia di persone coinvolte in una danza liberatoria.

© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione

Galleria Fotografica

Golfo Aranci