Auto prive di assicurazione, nel nord Sardegna più di 32o sanzioni dall'inizio dell'anno

OLBIA. Con l'approssimarsi del termine della stagione estiva, la Polizia di Stato incrementa i controlli sulla circolazione stradale, con particolare attenzione alla copertura assicurativa dei mezzi circolanti. Nel solo primo week end di settembre sono state dieci le sanzioni per mancanza di assicurazione contestate dalle pattuglie della Sezione Polizia Stradale di Sassari, unitamente ai distaccamenti di Olbia e Tempio Pausania.

La mancata copertura assicurativa dei veicoli è un fenomeno che ha un sensibile rilievo nel territorio dell'intera provincia: sono state 320, infatti, le violazioni contestate dalla Polizia di Stato dall'inizio dell'anno.
Si ricorda che, oltre alle specifiche responsabilità in caso di incidenti, le sanzioni amministrative vanno da un minimo di euro 866 a massimo di euro 3.464, oltre alla decurtazione di 5 punti sulla patente ed al sequestro amministrativo del veicolo. Nei casi di recidiva (dalla seconda volta), a carico del trasgressore la norma prevede il raddoppio della sanzione pecuniaria, il ritiro della patente di guida e il fermo del veicolo per 45 giorni in aggiunta al sequestro. A queste si aggiungono le responsabilità civile e penali in caso di sinistro. In alcune situazioni, comunque residuali, la mancanza dell'assicurazione obbligatoria del veicolo è stata determinata da truffe perpetrate on-line nei confronti di “inconsapevoli” utenti acquistate da siti internet non ufficiali o da falsi intermediari.

La Polizia di Stato, pertanto, invita tutti gli utenti a verificare la corretta copertura assicurativa obbligatoria del veicolo attraverso la documentazione che la compagnia assicuratrice è tenuta a rilasciare per non incorrere nelle sanzioni indicate e nelle conseguenti responsabilità. La Sezione Polizia Stradale di Sassari riproporrà periodicamente in tutta la provincia servizi analoghi, per cercare di contrastare questo pericoloso fenomeno.

© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione
SIDDURA