I numeri della Questura di Sassari sulla violenza di genere nel nord Sardegna

OLBIA. In occasione della “Giornata internazionale contro la violenza sulle donne”, la Questura di Sassari rende noti alcuni dati relativi alle misure preventive e repressive adottata nel corso del 2022, per contrastare il fenomeno della violenza di genere:
-    Cinque arresti in flagranza di reato per atti persecutori, violenza sessuale, maltrattamenti in famiglia e violazione dei provvedimenti di allontanamento dalla casa familiare e del divieto di avvicinamento ai luoghi frequentati dalla persona offesa;
-    Diciannove  ammonimenti del Questore per atti persecutori e violenza domestica;
-    Ventuno provvedimenti di allontanamento dalla casa familiare e divieti di avvicinamento ai luoghi frequentati dalla persona offesa, di cui 1 con controllo da remoto;
-    Sei custodie cautelari in carcere.

Per confermare l'impegno quotidiano, i poliziotti della Questura di Sassari hanno partecipato a molteplici iniziative cittadine, tra cui la seduta straordinaria del Consiglio Comunale e il convegno tenutosi il 22 novembre presso l'Aula Magna dell'Università di Sassari dal titolo “Strumenti e prassi per contrastare la violenza sulle donne”, organizzato dalla Commissione Pari Opportunità del Comune di Sassari in collaborazione con l'Università di Sassari, il Comune e l'Unione Forense per la Tutela dei diritti Umani, in occasione del quale il Questore di Sassari ha ribadito le potenzialità dello strumento amministrativo dell'Ammonimento del Questore, per incidere in modo rapido sulla pericolosità degli autori di violenza domestica o di atti persecutori.

Nella mattinata del 25 novembre, i poliziotti della Questura di Sassari hanno allestito uno stand in Piazza d'Italia, dove hanno distribuito le brochure della campagna permanente della Polizia di Stato “Questo non è amore”. Nel corso dell'evento i poliziotti hanno ricevuto la visita dei bambini delle classi IV e V della scuola primaria di via Cottoni, a cui sono stati distribuiti i gadget della Polizia di Stato. I bambini hanno omaggiato i poliziotti con i loro disegni realizzati per esprimere il loro pensiero contro la violenza sulle donne.

Le iniziative sono proseguite anche sul territorio della provincia, ed in particolare ad Ozieri, presso il teatro civico comunale, dove i poliziotti hanno partecipato alla VI edizione del concorso musicale regionale “VIOLA”, organizzato per promuovere la cultura della non violenza, e ad Olbia, dove i poliziotti del Commissariato hanno distribuito le brochure della campagna permanente della Polizia di Stato “Questo non è amore” nell'ambito dell'iniziativa “Sulle donne solo mani che curano”, presso la sede IPIA “Amsicora” di Olbia, che ha visto protagonisti gli studenti della classe II e delle scuole secondarie cittadine.

A conclusione della giornata, dalle 17,30 e per tutta la notte, in collaborazione con la “Soroptimist Club di Sassari”, la facciata della Questura di Sassari è stata illuminata di arancione, colore scelto dalla campagna internazionale “Orange the World” promossa dalle Nazioni Unite, per simboleggiare l'uguaglianza di genere e la lotta contro ogni forma di discriminazione e violenza sulle donne.
L'iniziativa è volta a ricordare alla cittadinanza l'esistenza di un luogo sicuro all'interno della Questura, dove è presente una “stanza rosa” per le audizioni protette, curate da personale specializzato in servizio presso la III sezione della Squadra Mobile.

© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione
SIDDURA