Scommesse e slot in Sardegna, nell'Isola ancora troppe irregolarità e pericoli per i minori

OLBIA. I controlli sul territorio hanno portato ad accertare un certo substrato di illegalità nel settore degli apparecchi e delle scommesse, sfociato in alcuni sequestri amministrativi e talvolta penali, laddove è stato accertato il reato d'intermediazione nelle scommesse. Sono state inoltre comminate sanzioni amministrative per decine di migliaia di euro.
 
Sono stati effettuati 1.389 controlli nei diversi ambiti di competenza a tutela degli interessi erariali e del gioco legale e responsabile, di cui 639 sui minori.
 
Sono stati sequestrati 35 apparecchi da intrattenimento e divertimento, privi dei titoli autorizzatori e scollegati dalla rete telematica di ADM, sia in autonomia che con le forze dell'ordine e sono stati distrutti 117 apparecchi sequestrati e confiscati in precedenti operazioni.
 
Nello specifico sono stati effettuati:
- 236 controlli presso rivendite tabacchi su 1.461 censite con un indice di presidio del 16,15% e 137 controlli presso rivendite con distributori automatici su 816 esercizi censiti;
- 713 controlli su esercizi di raccolta scommesse e/o dotati di apparecchi da divertimento e intrattenimento su 2.448 esercizi censiti, con un indice di presidio del 28,15% ed un tasso di irregolarità del 19,35%.
 
Tra la fine del mese di novembre e i primi del mese di dicembre 2022 è stata effettuata un'operazione richiesta dal COPREGI, Comitato Nazionale per la prevenzione e repressione del gioco illegale, la sicurezza del gioco e tutela dei minori, nella provincia della Città metropolitana di Cagliari dalle squadre operative composte da funzionari dell'Agenzia Dogane e Monopoli e agenti delle Forze dell'Ordine, che ha riguardato 16 attività commerciali e ha portato all'accertamento di violazioni amministrative in materia di giochi e scommesse e alla contestazione di sanzioni amministrative per 50.000 euro.
 
Nel corso dell'anno 2022 sono state comminate sanzioni amministrative pari a 1.184.983 euro e sanzioni tributarie e per imposta sui giochi pari a 1.179.480 euro, per un totale complessivo di 2.364.463 euro.
 
Il controllo su tutte le tipologie di gioco è stato effettuato prestando attenzione anche alla sensibilizzazione dei gestori sul divieto dei giochi ai minori d'età.
 
© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione

Leggi anche