Controlli antidroga nelle scuole di Tempio Pausania, tre minori sopresi con Ecstasy e Marijuana

OLBIA. Le Fiamme Gialle del Comando Provinciale Sassari, coordinate dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale dei minori, effettuano d'intesa con i dirigenti scolastici specifici controlli antidroga all'interno degli Istituti Scolastici, al fine di prevenire e contrastare il fenomeno del consumo e dello spaccio di sostanze stupefacenti tra i giovani
Questa volta le attività preventive sono state svolte dai militari della Compagnia di Tempio Pausania che hanno operato presso alcuni compendi del capoluogo gallurese con il supporto delle unità cinofile antidroga del Gruppo Olbia.
I servizi svolti hanno permesso di individuare tre giovani in possesso di sostanze stupefacenti. In particolare, i controlli delle Fiamme Gialle hanno portato alla scoperta di complessivi 30 grammi di marijuana, nonché di una dose di MDMA (Ecstasy), in possesso di ragazzi di età compresa tra i 15 e i 17 anni, i quali nascondevano la sostanza stupefacente all'interno delle tasche dei giubbotti e nelle tasche dei pantaloni.

Due giovani sono stati segnalati alla Prefettura per violazioni amministrative (detenzione di stupefacenti per uso personale) mentre in un caso si è reso necessario procedere alla denuncia di un giovane alla Procura della Repubblica presso il Tribunale dei minori atteso che, il quantitativo e le modalità di occultamento e detenzione della sostanza hanno indicato la possibile detenzione ai fini di spaccio della sostanza illecita.
Tale tipologia di controlli testimonia ancora una volta il costante presidio attuato dalla Guardia di Finanza su tutto il territorio, in particolare, a tutela dei più giovani e, più in generale della salute ed incolumità pubblica.
L'iniziativa, che sarà replicata in futuro, ha suscitato interesse tra gli studenti e ha riscosso l'approvazione dei professori e dei genitori degli alunni, consapevoli della pericolosità della diffusione del fenomeno illecito tra i giovanissimi.

© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione

Leggi anche