Operazione barber shop a Olbia: sequestrato mezzo milione di euro a due fratelli olbiesi

OLBIA. I Carabinieri del Reparto Territoriale di Olbia, hanno dato esecuzione alla misura di prevenzione patrimoniale della confisca, ai sensi Codice antimafia, emessa dal Tribunale di Cagliari – I^ sezione penale su richiesta della locale Direzione Distrettuale Antimafia - nei confronti di due preposti imputati nel procedimento connesso all'Operazione, denominata “Barber Shop”, coordinata dalla Direzione Distrettuale Antimafia di Cagliari, su indagini seguite dalla Sezione Operativa del Nucleo Operativo e Radiomobile di Olbia per i reati di associazione a delinquere finalizzata al traffico e allo spaccio di sostanze stupefacenti del tipo “cocaina”.

Il sequestro ha interessato beni immobili, mobili conti correnti e strumenti finanziari di investimento di sei persone legate dal vincolo di parentela nei confronti dei quali è stato accertato che il loro valore è sproporzionato rispetto  ai  redditi dichiarati  e all'attività  economica  svolta  nonché la sussistenza di indizi tali da consentire di ritenere che siano il frutto dell'attività illecita o ne hanno costituito il reimpiego.  

L'oggetto della confisca sono due immobili abitativi, un lotto di terreno esteso 2500 mq, un garage, quattro autovetture, due motocicli, due conti correnti, due carte di pagamento elettronico prepagate e sei polizze assicurative vita/morte,  per un importo complessivo che si aggira intorno al mezzo milione di euro.  
Gli accertamenti patrimoniali, espletati dalla Sezione Operativa del NORM del Reparto Territoriale di Olbia, dal febbraio 2020 al aprile 2021, sono scaturiti anche dalle risultanze dell'indagine denominata  “Barber shop”, sempre a cura della Sezione Operativa (febbraio 2017/  maggio 2018) che ha fatto emergere una associazione a delinquere finalizzata al traffico di ingenti quantitativi dello stupefacente che importavano dalla Campania e dal Lazio, mentre gli altri erano incaricati dello smercio all'ingrosso e al dettaglio che si è conclusa nel febbraio 2020 con l'esecuzione di un'ordinanza di custodia cautelare di 16 persone (15 in carcere e 1 obbligo di dimora),  l'arresto in flagranza di reato di 5 persone nonché il sequestro, complessivamente, circa 3 kg. di cocaina, 300 gr. di hashisc e 100 gr. di marijuana.

© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione

Leggi anche