Golfo Aranci

Zona Franca in Sardegna
Il 24 giugno l'incontro con Letta

di Antonella Brianda


OLBIA. E' previsto per lunedì 24 giugno alle ore 10, nella sede della Camera dei Deputati a Montecitorio a Roma, l'incontro tra il Presidente del Consiglio Enrico Letta, il Presidente della Regione Ugo Cappellacci e i rappresentanti dei comitati per la zona franca integrale in Sardegna. Da Olbia partirà, insieme alle delegazione cittadina, anche il presidente del consiglio comunale di Olbia, Vanni Sanna. "Noi chiederemo che in base al regolamento n°450 del 2008, la Sardegna venga inserita, insieme a Livigno e Campione d'Italia, nelle aree a zona franca integrale", dice Sanna. "Se ciò venisse attuato, rappresenterebbe la svolta per la nostra Isola, inoltre porterebbe vantaggi a tutta l'economia europea. La Sardegna diventerebbe il punto d'appoggio per tutte le nazioni europee per quanto riguarda il commercio con il nord Africa. Siamo consapevoli - continua il presidente del consiglio comunale - che il progetto sia difficile da realizzare, ma riteniamo che la Sardegna debba poter essere inserita tra le zone franche d'europa. Inoltre la nostra regione è a statuto speciale, quindi gode di una sovranità maggiore rispetto alle altre regioni e già a partire dal 1973 avrebbe dovuto avere il diritto alle zone franche nei suoi porti". 


Ad oggi ben 340 su 377 Comuni della Sardegna hanno deliberato a favore della zona franca. Da parte di moltissimi cittadini l'interesse verso questo argomento è notevole, anche a causa degli innumerevoli aspetti positivi che potrebbe avere sull'economia isolana. Da tempo i sostenitori dell'iniziativa chiedono a gran voce che venga data attuazione al dettato del decreto legge 78/95 che sancisce lo status di zona franca per 6 porti della Sardegna e alle aree industriali ad essi collegate e collegabili. Un decreto legge mai attuato, che i promotori della zona franca vogliono non solo portare a compimento ma estendere integralmente a tutta la Sardegna.

Lo scorso 5 giugno a Bruxelles,  si è tenuto un incontro proprio su questo tema, al quale ha partecipato anche il presidente del consiglio comunale Vanni Sanna. Ad organizzare il tutto è stato l'europarlamentare Giommaria Uggias.  Dal dibattito di Bruxelles, al quale hanno partecipato il capo unità "Legislazione Doganale" della DG Taxud della Commissione Europea Jean Michel Grave, il dottor Pietro Orsini della Direzione Legislazione Tributaria del Ministero italiano dell'Economia e delle Finanze, l'europarlamentare portoghese Nuno Teixeira, rappresentante della regione di Madeira e Vincent Cunnanre, l'amministratore delegato della zona franca irlandese di Shannon Development, è emerso che il patrimonio culturale ed economico della Sardegna potrebbe essere conforme con la creazione di una zona franca integrale. Non resta che attendere il prossimo 24 giugno, quando il Presidente della Regione Ugo Cappellacci porterà a Roma, sul tavolo del governo centrale, la richiesta della zona franca integrale. I sostenitori dell'iniziativa sperano di ottenere la ratifica della presidenza del consiglio.


© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione