Tavolara, ricerche sulla Posidonia
Sotto la lente le acque di Molara


OLBIA. E' in atto una ricerca sperimentale, condotta dal Consorzio di Gestione dell'AMP di Tavolara Punta Coda Cavallo e l'Università di Sassari, sullo stato di conservazione della prateria di Posidonia oceanica. A partire dal 08 luglio e fino al 10 settembre 2013, nello specchio acqueo dell'lsola di Molara e, più precisamente, all'interno dell'area con raggio di 50 mt incentrata sul punto individuato dalle seguenti coordinate geografiche (Latitudine  40° 51.780' N, latitudine 009° 43.438' E) - opportunamente segnalato con boe e appositi cartelli, è vietato: navigare, ancorare e sostare con qualunque unità sia da diporto che ad uso professionale praticare la balneazione, effettuare attività di immersione con qualunque tecnica e svolgere attività di pesca di qualunque natura.

Non sono soggetti a tali divieti, il personale del Consorzio di Gestione dell'Area Marina Protetta "Tavolara - Punta Coda Cavallo", con i relativi mezzi, incaricati di seguire l'attività di ricerca, le unità della Guardia Costiera, delle Forze di Polizia in genere in ragione del loro ufficio. E' fatto obbligo a chiunque spetti di osservare e far osservare la presente ordinanza, la cui pubblicità verrà assicurata mediante I'affissione all'albo dell'ufficio, l'inclusione alla pagina "ordinanze" del sito istituzionale www.olbia.guardiacostiera.it

 

© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione
SIDDURA